Calciomercato, Palermo: situazione Matheus Cassini, richieste dall’Olanda e dalla Romania. Ma Zamparini ha un progetto diverso

Calciomercato, Palermo: situazione Matheus Cassini, richieste dall’Olanda e dalla Romania. Ma Zamparini ha un progetto diverso

La situazione e i retroscena relativi al futuro del brasiliano.

1 Commento

A giugno scorso Maurizio Zamparini l’aveva presentato come il nuovo Dybala, ma lui – Matheus Cassini – ci tenne a precisare che ogni calciatore ha le proprie caratteristiche e nessuno è uguale ad un altro. Nel corso del ritiro pre-campionato l’esame di maturità con Iachini: il mister marchigiano lo ha testato in più posizioni per comprenderne i reali margini di miglioramento. “Il ragazzo è ancora acerbo, ma i mezzi per far bene vi sono tutti”, le parole ad agosto dell’ex allenatore rosanero.

Il brasiliano classe ’96 – che in patria aveva giocato solamente con la Primavera del Corinthians – è stato dunque inserito nella formazione di Giovanni Bosi e, solo in qualche circostanza, il suo nome è rientrato nella lista dei convocati dal tecnico della prima squadra che, intanto, cambiava: la guida dello staff passava infatti dalle mani di Iachini a quelle di Davide Ballardini. I massimi dirigenti del club di viale del Fante ci tenevano a rassicurare entourage del calciatore e lo stesso Matheus: avrebbe trovato il suo spazio, non sarebbe andato via in prestito, doveva farsi le ossa.

Una linea, quella di Zamparini, che è rimasta tale fino a che la stessa squadra non ha iniziato a dare segni di debolezza in campionato: i risultati non arrivavano, tre giocatori erano stati messi ai margini del progetto tecnico (uno, Maresca, adesso è stato reintegrato) e forte era la necessità di trovare nel mercato delle pedine pronte (o comunque, reputate pronte dalla dirigenza rosanero) che potessero assicurare la permanenza nel massimo campionato.

A poco a poco, la società palermitana capì che Matheus Cassini non poteva trovare spazio nella prima squadra, almeno non in questa stagione. Il meglio per il ragazzo, che intanto aveva maturato una certa esperienza nel campionato Primavera, era andare a giocare altrove per crescere. A dicembre si è iniziata a paventare l’ipotesi di un ritorno in Brasile al Flamengo, quindi la possibilità che rimanesse ancora in Sicilia. Eventualità che indirettamente Zamparini ha scartato affermando, l’ultimo dell’anno: “Cassini? Mi ha deluso”.

Approfondisci: Foto, Zamparini si dice deluso, Matheus Cassini risponde col sorriso: “Non faccio promesse, camminerò sempre a testa alta”

Il carioca doveva partire, andare via a titolo temporaneo: ad interessarsi al giocatore, sin dai primissimi giorni di gennaio, sia la Steaua Bucarest che un paio di club olandesi, la cui capacità di svezzare i giovani calciatori è ben apprezzata in tutta Europa. La pista rumena poteva essere percorribile, ma l’intervento odierno di Zamparini sembra ad ora decisivo per le sorti del futuro dell’ex Corinthians: nel primo pomeriggio, infatti, l’incontro tra l’entourage del calciatore e il patron friulano per stabilire la migliore destinazione per il classe ’96. L’imprenditore friulano avrebbe caldeggiato l’ipotesi Inter Zapresic per una ragione: i dirigenti del club croato sono legati da un rapporto di amicizia al presidente del Palermo che avrebbe così l’opportunità di sorvegliare i progressi del brasiliano, settimana dopo settimana. Zamparini non intende perdere di vista Cassini: il progetto è di farlo tornare quanto prima alla base, dopo alcuni mesi di prestito nella Prva hrvatska nogometna liga, il campionato croato.

1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Noncisicrede - 1 anno fa

    L’ennesima “vittima” di una società sconclusionata.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy