Calciomercato: Cassano va in vacanza a Dubai. Riceve offerte dalla Cina, ma…

Calciomercato: Cassano va in vacanza a Dubai. Riceve offerte dalla Cina, ma…

Approfittando anche della sosta per le Nazionali, FantAntonio è andato in vacanza a Dubai. A gennaio la Sampdoria vuole trovare una soluzione: ecco le intenzioni del calciatore.

1 Commento

In questi giorni si trova in vacanza a Dubai, con moglie e figli.

Antonio Cassano ha approfittato anche della sosta per gli impegni delle Nazionali per prendersi una pausa. Sì, perché – differentemente da quanto possa sembrare – FantAntonio sta proseguendo gli allenamenti. Non con il gruppo di Marco Giampaolo, bensì da solo… anzi, con un portiere che il club blucerchiato gli ha messo a disposizione.

Sono settimane – queste – dure per il fantasista barese che a luglio scorso ha compiuto 34 anni. Si affida all’affetto della sua famiglia e a quello dei suoi cari. Sta riflettendo e pensando a quale sia la soluzione migliore in vista del suo ultimo (salvo ripensamenti) contratto della carriera.

In estate, proprio in extremis, ci aveva provato Maurizio Zamparini a far tornare nel giro l’ex Roma e Real Madrid. Prima un sì da FantAntonio, poi un ‘no’ dettato dalla moglie (l’ex pallanotista Carolina Marcialis) che vorrebbe rimanere in Liguria, più specificatamente a Genova. Una casa – Genova – da cui è difficile separarsi. In questi giorni sarebbero pervenute al calciatore e alla Sampdoria offerte da società cinesi e degli Emirati Arabi. La risposta di Cassano sembra essere negativa per il momento. Vuole sì continuare a giocare, ma vorrebbero farlo quantomeno in Italia. Gennaio è ancora relativamente lontano: sarà quello il mese in cui FantAntonio deciderà cosa fare, anche perché Ferrero spinge per concludere il rapporto con il calciatore che, intanto, si gode Dubai in compagnia di moglie e figli.

1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Giuseppe Geraci - 3 settimane fa

    Vieni a Palermo!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy