“Bruno Henrique sta bene a Palermo, non andrà via a gennaio”. L’annuncio dell’agente

“Bruno Henrique sta bene a Palermo, non andrà via a gennaio”. L’annuncio dell’agente

Sergio Lucci, agente del centrocampista brasiliano, esclude un suo addio a gennaio.

2 commenti

Il San Paolo continua a sondare il terreno, ma da oggi vi è un’altra certezza sul futuro di Bruno Henrique. Il centrocampista brasiliano non vuole cambiare maglia, vuole rimanere a Palermo, dove intende continuare a giocarsi le carte a sua disposizione, provando a salvare la squadra dalla retrocessione.

Un avvio di campionato caratterizzato più da bassi che da prestazioni sufficienti, da parte dell’ex capitano del Corinthians che, a 27 anni, sta vivendo il suo primo approccio col calcio europeo. Un impatto non proprio positivo, reso difficile anche da alcuni infortuni (già superati e messi alle spalle).

Nei giorni scorsi vi abbiamo dato notizia di un forte interesse da parte del San Paolo che starebbe proseguendo con le proprie verifiche: vuole capire se ci sono i presupposti per mettere in piedi una trattativa. Le intenzioni del ragazzo sono state ribadite dall’agente del calciatore, Sergio Lucci: “Bruno sta molto bene in Italia – ha detto Lucci -. Si è ambientato alla perfezione insieme alla sua famiglia e non andrà via a gennaio”. Il centrocampista, dunque, intende proseguire questa sua esperienza in rosanero: c’è da capire, tuttavia, se dello stesso avviso è la società. Bruno Henrique è attualmente il giocatore più pagato dell’intero organico a disposizione di Corini e il suo è stato l’acquisto più esoso dell’ultima campagna estiva dei siciliani. Zamparini riflette.

APPROFONDISCI Serie A: stipendi giocatori Palermo 2016-17, il più pagato è Bruno Henrique

2 commenti

2 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Michele Consiglio - 2 mesi fa

    Degno di una società mediocre

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Salvatore Siciliano - 2 mesi fa

    Giocatore mediocre

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy