Brugman sr: “Ecco com’è nata l’idea Palermo. A Gaston ha dato fastidio un particolare aspetto in questi mesi”

Brugman sr: “Ecco com’è nata l’idea Palermo. A Gaston ha dato fastidio un particolare aspetto in questi mesi”

Parla il padre dell’uruguaiano rosanero

Commenta per primo!

“Come nasce la chiamata del Palermo? Lui era seguito dal Bologna ma soprattutto dal Sassuolo. Al Pescara era compagno del figlio di Di Francesco allenatore dei neroverdi, che lo vedeva spesso giocare e aveva tanta stima di lui. Poi però si è mosso il Palermo con il contatto tra il direttore sportivo rosanero e il presidente del Pescara e si è sviluppata la trattativa. Molto importante per noi è stato anche il lavoro di Gabriele Tubaldo, collaboratore di Mino Raiola che ha sempre seguito Gaston. Per noi l’occasione rosanero era troppo importante, considerata anche la storia di questo club nel lancio dei giovani”. A raccontarlo il padre di Gaston Brugman, Andres, intervistato ai microfoni di Calciomercato.it. “Lui non subito bene coi rosanero? Mettersi in discussione quando si arriva in un gruppo nuovo è normale. Ma la cosa che forse ha dato più fastidio a Gaston è stata quella di non avere mai avuto la possibilità di far vedere quello che poteva fare e il tipo di contributo che poteva offrire alla squadra – ha aggiunto -. Si diceva sempre che doveva recuperare dal problema al ginocchio quando ormai era superato o che era troppo esile. Poi ha scritto quella frase sui social (“Fragile? Dove non arrivo con la forza arrivo con la mente”, ndr) proprio per far capire che nonostante non abbia un fisico statuario, sa come stare in campo anche nella fase di non possesso nel chiudere le linee di passaggio e saper braccare l’avversario al momento giusto. E’ mancata un po’ la fiducia, adesso le cose con il nuovo allenatore sembrano esser diverse”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy