Brignoli: “Dobbiamo vincerle tutte. Errore col Brescia? Anche Buffon sbaglia”

Brignoli: “Dobbiamo vincerle tutte. Errore col Brescia? Anche Buffon sbaglia”

“Ci siamo specchiati troppo, ma adesso abbiamo rimesso in piedi il campionato. Il caos societario ha intaccato qualcosa”

Crescita.

Dopo un inizio un po’ al di sotto delle aspettative, Alberto Brignoli ha conquistato tutti a suon di prestazioni e grandi parate. Nell’ultima gara contro il Benevento, l’estremo difensore del Palermo è stato decisivo con i suoi interventi, permettendo alla squadra allenata da Roberto Stellone di portare a casa tre punti importantissimi per la corsa alla promozione diretta in Serie A. Intervistato da La Gazzetta dello Sport, Brignoli ha dichiarato: “Come mai non vincevamo due partite di fila da dicembre? Colpa nostra. La Juve vince da 10 anni perché ha sempre fame, cosa che a noi è mancata. Ci siamo specchiati troppo, ma adesso abbiamo rimesso in piedi il campionato. Il caos societario ha intaccato qualcosa. Ci siamo guardati in faccia e ci siamo presi le nostre responsabilità“.

Brignoli: “A Palermo per rimettermi in gioco e riprendere la mia strada. Benevento? Dovevano riscattarmi, poi…”

Il portiere classe 1991 ha poi parlato del rush finale di campionato: “Il turno di riposo del Lecce, una partita in meno si sente: dobbiamo vincerle tutte per questo. E poi c’è Lecce­-Brescia, ma guardare troppo gli altri è stata una causa che ci ha fatto rallentare“. Il suo errore contro il Brescia è ormai completamente alle spalle, in quell’occasione Brignoli fu sorpreso da un traversone di Tremolada che si è spento direttamente in rete: “Tutti sbagliano, anche Buffon, anche mio papà che fa il vigile. L’importante è ammetterlo e affrontare i problemi nel modo giusto. Noi portieri passiamo dalla polvere all’altare in un attimo, è vero, ed è per quello che la nostra forza deve essere l’equilibrio. Nei portieri conta la testa“. L’estremo difensore rosanero infine ha parlato dei portieri che lo hanno impressionato fin qui: “Mi ha stupito Audero, sembra un trentenne. Oppure Meret o un fuoriclasse come Donna­rumma: certe cose le fai a 20 anni solo se hai la testa“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy