Bouy: “Il primo giorno alla Juve non credevo ai miei occhi, accanto a me c’erano Pirlo e Buffon”

Bouy: “Il primo giorno alla Juve non credevo ai miei occhi, accanto a me c’erano Pirlo e Buffon”

Il racconto del centrocampista del Palermo, Ouasim Bouy, intervistato dai media olandesi.

Commenta per primo!

Ouasim Bouy si racconta: attraverso le pagine di Voetbal International, il centrocampista del Palermo (ancora oggetto misterioso, a dire il vero) ha parlato del suo approdo alla Juve nel 2012.

“La Juventus mi notò già al Torneo Scirea quando avevo 14 anni. Ero ancora all’Ajax e dopo una partita, sentii che qualcuno in hotel chiedeva: ‘Chi è il ragazzo dell’Ajax con il n.8?’. Ero io. La Juventus insieme ad altri club iniziavano a farsi avanti – sottolinea – . Alla fine ho scelto di proseguire il mi processo di crescita in Italia. In Italia c’è tutto quello di cui un calciatore ha bisogno: atmosfera giusta, l’esperienza che ti trasmettono compagni e avversari è imparagonabile, il rispetto reciproco come valore basilare. Il calcio qui ha qualcosa in più, rappresenta la vita di tutti noi. Per non parlare del resto. Qui c’è tradizione, c’è passione, il cibo è buonissimo… e mi fermo qui: avrei parlato anche delle donne italiane, ma ad oggi è un capitolo chiuso, dato che sono fidanzato – prosegue Bouy ridendo -. Ero orgoglioso dell’interessamento della Juventus: il club bianconero ha classe, stile… ha tutto. Appena sono arrivato, ho notato subito che tutto era organizzato per me nel minimo dettaglio: non ho fatto in tempo ad arrivare che già mi avevano messo a disposizione un telefono, una casa e un’automobile con autista. Al mio primo allenamento non credevo ai miei occhi: nello spogliatoio ero seduto accanto a Pirlo. Poco più distante da me c’era Gigi Buffon. Che ricordi. Il loro carisma è tutto ciò che serve a un giovane per crescere: è inimmaginabile”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy