Aronica racconta: “Cavani il più forte. Zamparini fece la guerra affinché andassi via”

Aronica racconta: “Cavani il più forte. Zamparini fece la guerra affinché andassi via”

L’intervista all’ex difensore del Palermo, Salvatore Aronica: “Questa diatriba mi costrinse a stare 1 anno e mezzo fermo”.

Commenta per primo!

“Sono un portatore d’acqua arrivato in Champions League grazie al cuore e al carattere”.

Parola di Salvatore Aronica. L’ex difensore di Napoli e Palermo, oggi allenatore di scuola calcio, è stato intervistato ai microfoni di GianlucaDiMarzio.com. Il classe ’78, che ha vestito la maglia rosanero nella stagione 2013-14 (in un annata poco fruttuosa e fortunata), ha ripercorso le tappe della sua lunga carriera.

“Ho giocato sempre con compagni più bravi di me, ma con malizia e grinta sono arrivato in alto. I giovani calciatori oggi pensano ai tatuaggi, ai soldi. Io ai miei ragazzi insegno a crederci e non mollare mai. Pochi sanno che ho anche vinto uno scudetto, con Lippi – ha dichiarato l’ex centrale -. Fu lui a farmi esordire in Serie A. Fino al trasferimento in bianconero il calcio era una passione, un modo per impegnare il pomeriggio. Da quel momento capii che ce la potevo fare. E ho avuto un inizio niente male, perché ebbi la fortuna di stare con una Juventus stellare”.

Palermo – “Il ciclo al Napoli ormai era finito, c’era aria di cambiamento. Il Palermo mi propose un contratto importante a 35 anni ed accettai, anche perché ritornavo a casa. Ma Zamparini fa davvero tanta confusione: cambiò in poco tempo quattro allenatori e tre direttori sportivi, iniziò a fare la guerra affinché andassi via. Ma, visto il contratto importante, non riuscii a trovare squadra, anche perché ormai avevo riportato la famiglia a Palermo. Questa diatriba mi costrinse a stare 1 anno e mezzo fermo”.

Reggina – “La stagione della penalizzazione con la Reggina non la dimenticherò mai. Togliete 15 punti al Palermo e al Pescara ora, sarebbero ancora a -7 o a -9 quasi a metà campionato. Questo dimostra che quell’anno con Mazzarri facemmo un miracolo, raggiungendo una salvezza che forse non era quotata. Diventammo cittadini onorari di Reggio Calabria, un grandissimo ricordo. Tant’è che lì ho chiuso la mia carriera, ritornando qualche anno dopo la mia cessione al Napoli”.

Napoli – “Che anni, non li dimenticherò mai. Nello spogliatoio regnava l’allegria con i sudamericani. La cumbia suonava praticamente a tutte le ore, con il ‘Pocho’ Lavezzi dj. Il più forte? Sicuramente Cavani, mi bastò una partita per capirlo. Il suo esordio da titolare fu nella gara di ritorno in Europa League contro l’Elfsborg. Era arrivato da poco, provammo la formazione per quella gara con Quagliarella centravanti fino alla rifinitura. Mazzarri entrò negli spogliatoi e ci comunicò che dovevamo giocare con Cavani titolare. Il motivo? Quagliarella era stato ceduto alla Juventus poco prima della partita. Tra i tifosi c’era un clima di tensione. Ma Cavani non disse una parole, rispose segnando due gol. Ibrahimovic? Ogni volta in campo ci scontravamo. Per fermarlo usavo le maniere forti per ovviare al gap tecnico ed allora lo facevo innervosire. Una volta, in un Milan-Napoli che non si schiodava dallo 0-0, lui perse la calma e mi diede uno schiaffetto. Quell’episodio rimase nella storia, in tanti me lo ricordano ancora”.

Futuro – “Dopo essermi ritirato ho preso il patentino di terza categoria; ora attendo quello di seconda per iniziare a fare l’allenatore. Per il momento, però, mi diverto collaborando con il Calcio Sicilia, una delle società giovanili più importanti di Palermo”, ha concluso Aronica.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy