Andrea Ingegneri: “Palermo, spero rimangano Rispoli-Goldaniga. Mia impressione su Zamparini”

Andrea Ingegneri: “Palermo, spero rimangano Rispoli-Goldaniga. Mia impressione su Zamparini”

Il difensore classe ’92 si presenta alla stampa a seguito del Palermo Calcio in ritiro: “Le mie impressioni e gli obiettivi stagionali, Zamparini e Tedino…”

Commenta per primo!

Ingegneri

Bad Kleinkirchheim (dai nostri inviati) – Un treno da non farsi scappare. Andrea Ingegneri racconta di non aver pensato più di un attimo a dir di sì quando gli è stata prospettata l’ipotesi Palermo.

“Sono felice di essere qua e di ritrovare Tedino. Lo conosco bene, è un allenatore capace di trasmettere tanto. La chiamata del Palermo è stata uno stimolo in più e sono motivatissimo – ha spiegato l’ex difensore del Pordenone nel corso della conferenza stampa di presentazione -. La Serie B l’ho sfiorata due volte col Pordenone e ora mi trovo qui: era un treno da prendere al volo. Palermo piazza incredibile, non ho aspettato un attimo a dir di sì“.

“Obiettivo Serie A? I presupposti per fare una stagione ottima ci sono, la squadra è buona – ha aggiunto -. Chi i più forti? Non mi va di fare nomi, ma siamo tutti forti. Le mie caratteristiche tecniche? Io sono un difensore che si adatta, posso giocare sia a tre che a quattro dietro: sono uno esplosivo e che lavora tanto. In questi giorni ho affinato l’intesa con Struna e Goldaniga, è grazie ai miei compagni di reparto che mi sto ambientando bene. La rosa del Palermo è di alta qualità, in questi primi due giorni ho assaporato qualcosa di grande. Ci sono giocatori che vogliono riscattarsi e far bene. Quale squadra temo di più in B? Ce ne sono diverse, tra cui Frosinone e le neo-promosse”, ha aggiunto Ingegneri che poi ha parlato anche di Tedino e Zamparini.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy