Ag. Pomini-Mediagol: “Brignoli? Basta che vi sia chiarezza. Alberto non teme nessuno”

Ag. Pomini-Mediagol: “Brignoli? Basta che vi sia chiarezza. Alberto non teme nessuno”

Le parole dell’agente del portiere del Palermo, Alberto Pomini, intervistato in esclusiva ai microfoni di Mediagol.it

Alberto Brignoli è virtualmente il nuovo portiere del Palermo.

Manca soltanto l’ufficialità, ma il giovane portiere classe ’91 approderà presto alla corte di Bruno Tedino. Un’operazione imbastita da Rino Foschi sulla base del trasferimento a titolo definitivo del calciatore attualmente di proprietà della Juventus, che incasserà prossimamente circa un milione di euro da parte del club di viale del Fante.

L’arrivo dell’estremo difensore ex Benevento, salito agli onori della cronaca per il suo famigerato gol siglato al Milan di Rino Gattuso nel corso dell’ultima stagione, che di fatto toglierebbe la titolarità ad Alberto Pomini, leader dentro e fuori il campo. A questo punto, l’ex Sassuolo deciderà di guardarsi attorno per valutare l’ipotesi di cambiare aria e giocarsi le proprie chance da titolare altrove, o resterà in Sicilia a rispettare le gerarchie? A tal proposito si è espresso il suo agente, Danilo Caravello, intervistato in esclusiva ai microfoni di Mediagol.it.

“Se l’arrivo di Brignoli può condizionare la nostra decisione in chiave futura? In questo mondo, tra persone serie e rispettose dei ruoli e degli uomini, a parlar chiaro si fa sempre tutto. Lo scorso anno noi siamo venuti con un ruolo ben preciso, Alberto non è partito titolare, c’era un portiere titolare conclamato. Abbiamo accettato con entusiasmo Palermo perché al momento di firmare il contratto è stato esposto tutto con estrema chiarezza. Se anche quest’anno ci saranno rispetto e chiarezza da parte di tutti, ognuno farà serenamente le proprie scelte e si giocherà le proprie carte – ha dichiarato Caravello -. Col massimo rispetto di tutto e di tutti, Alberto non ha né timore, né paura, né reverenza per nessuno. Ha dimostrato già in B, dove ha vinto e giocato sempre campionati di vertice da titolate, di essere un portiere importante per la categoria. Ripeto, la cosa basilare è avere chiarezza e rispetto delle posizioni, dell’uomo e del professionista. E’ chiaro che noi ci aspettiamo che una squadra come il Palermo faccia un campionato a vincere e debba avere due interpreti importanti per ruolo. E altresì vero che quello del portiere è un ruolo delicato, però le gerarchie si possono anche sovvertire con il lavoro e con il tempo. Una volta che uno ha chiarezza può anche decidere con altrettanta chiarezza e serietà di poter continuare a lavorare per una causa, crederci, oppure di poter scegliere altro. L’importante è essere chiari e diretti, e non parlare attraverso giornali o interviste, cose che Alberto Pomini, come uomo e come professionista, non merita”

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Francesco Affronti - 2 mesi fa

    Un portierone Pomini se non c’era lui quest’anno si andava in serie C

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy

// inizio configurazione per mediagol // fine configurazione per mediagol