Ag. Bentivegna-Mediagol: “Tutto sul suo rinnovo e Iachini. Matheus Cassini? Nessun dualismo. Erede Dybala? Dico la mia. Il team Messi…”

Ag. Bentivegna-Mediagol: “Tutto sul suo rinnovo e Iachini. Matheus Cassini? Nessun dualismo. Erede Dybala? Dico la mia. Il team Messi…”

“Siamo orgogliosi di aver lanciato insieme al presidente Zamparini un messaggio abbastanza importante al calcio italiano. Abbiamo iniziato a scommettere forte sui nostri giovani, scegliendo di.

Commenta per primo!

“Siamo orgogliosi di aver lanciato insieme al presidente Zamparini un messaggio abbastanza importante al calcio italiano. Abbiamo iniziato a scommettere forte sui nostri giovani, scegliendo di proseguire il processo di crescita tecnico e umano in Italia, rinunciando a proposte economicamente più cospicue dall’estero, quali quelle di Anderlecht e Benfica”. Cristina Russo, agente di Accursio Bentivegna, si dice soddisfatta della scelta operata dalla società di viale del Fante di voler puntare sul suo assistito per le stagioni a venire. “Abbiamo valutato il progetto dei rosanero – spiega ai microfoni di Mediagol.it -: non avessimo considerato i piani dei rosanero adatti per il ragazzo, non avremmo firmato. Ci sono state le giuste intese e garanzie dal club”.

Intervista realizzata da Leandro Ficarra

Iachini ruolo decisivo“Iachini ha parlato direttamente con lui, che ruolo ha svolto all’interno della trattativa? Iachini ha dimostrato nella sua carriera di credere fermamente nelle potenzialità dei giovani. È un maestro nell’infondere nozioni tattiche e comportamentali, nonché nell’affinare i fondamentali. Anche a Palermo ha dimostrato di voler gradualmente inserire i migliori giovani del vivaio rosa nell’organico di prima squadra, crede fermamente in molti di loro, specialmente in Accursio. Nel quale intravede talento cristallino e importanti margini di crescita. Mi preme dire che la scelta di Accursio di legarsi al Palermo con un contratto dalla durata così importante è figlia principalmente del forte legame con la sua terra e con il club che lo ha calcisticamente consacrato a livello giovanile. È altresì innegabile che percepire la stima e la fiducia di Iachini ha rappresentato un fattore determinante ai fini della scelta compiuta dal ragazzo”.

Pronto a giocarsi il posto alla pari coi big – “Il grado di considerazione di Iachini nei confronti di Bentivegna era già sensibilmente cresciuto sin dal ritiro dello scorso anno. Il ragazzo, con dedizione, professionalità e impegno, si era imposto all’attenzione del tecnico marchigiano che decise di considerarlo quasi pronto per far parte in pianta stabile della prima squadra. Chiaramente l’inesperienza di un diciottenne ha fatto sì che questo processo di inserimento non fosse repentino, ma la trasparenza di Iachini costituisce per noi un’assoluta garanzia. Lui non fa squadre e formazioni guardando passaporti e carte d’identità, ma valuta solo ed esclusivamente il rendimento offerto sul terreno di gioco”.

Ruolo e modulo ideale – “In merito al ruolo che possa valorizzare al meglio le caratteristiche di Accursio ho una mia idea. Lo vedrei bene come seconda punta rapida con licenza di svariare e inventare alle spalle di un terminale fisico capace di attaccare la profondità. Resto tuttavia dell’avviso che, essendo un giocatore intelligente e particolarmente talentuoso, lui possa interpretare con profitto tutti i ruoli nell’ambito del reparto offensivo. È un giocatore eclettico, bruciante sul breve e molto dotato sul piano squisitamente tecnico. Eccelle nel dribbling sullo stretto, è fulmineo nella conclusione a rete e brilla anche in sede di rifinitura per la capacità di imbucare in verticale i compagni di reparto. Se proprio dovessi scegliere un ruolo e un modulo ideale per lui, direi attaccante esterno di sinistra, in un 4-3-3“.

Erede di Dybala? I paragoni sono inutili – “Lui potenziale erede di Dybala? Credo che ogni giocatore abbia le sue caratteristiche peculiari e fare dei paragoni è un esercizio piuttosto fine a se stesso. Tuttavia, ritengo che Accursio abbia doti tecniche e personalità in abbondanza per poter esplodere ad alti livelli.  È chiaro che, come nel caso di Dybala, occorrerà pazienza, sostegno e fiducia incondizionata perché se si crede realmente in un giovane, non va soltanto formato e lanciato, ma anche seguito e aspettato”.

Nessuno stop alla trattativa – “D’un tratto la trattativa per il rinnovo di Bentivegna sembrava essersi arenata? Il dialogo con il Palermo e in particolare col direttore Baccin non si è mai interrotto. È stato utile studiare insieme e con estrema attenzione tutti i dettagli di un prolungamento di contratto importante. Per un calciatore che vuole scrivere pagine di storia con la maglia rosanero, era necessario che si studiassero tutti i particolari. Non si era arenata la trattativa”.

Gerolin e Baccin – “Non abbiamo ancora avuto il piacere di interfacciarci con il nuovo direttore sportivo del club Manuel Gerolin, ma sono certa che lo faremo presto. Lui sarà il riferimento per la prossima stagione. Il ritorno di Dario Baccin nel ruolo di responsabile del settore giovanile non lo ritengo un passo indietro, ma una scelta acuta e assennata di chi ha dimostrato di eccellere nel reclutamento, nella gestione e nella valorizzazione dei giovani. Ad oggi la patrimonializzazione del settore giovanile costituisce linfa vitale imprescindibile sia sotto il profilo tecnico che finanziario per qualsiasi club professionistico. Il ritorno di Baccin a capo di questa area consolida ulteriormente le grandi ambizioni del Palermo relativamente alla crescita e all’arricchimento del proprio vivaio”.

Team Messi, il suo sogno divenuto realtà – “Bentivegna sarà l’unico calciatore italiano tra dieci talenti in tutto il mondo a poter indossare lo stesso modello di scarpe di Messi ad edizione limitata. Accursio è stato scelto durante una selezione curata dallo stesso attaccante del Barcellona. Messi ha valutato una serie di calciatori e ha scelto personalmente Bentivegna, è un riconoscimento prestigioso. Su questi talenti l’Adidas ha scelto di puntare per una serie di iniziative molto importanti. I social network seguiranno passo dopo passo tutte le evoluzioni professionali di questi giocatori, tra cui Bentivegna, potendo contare su un seguito ricco, si parla di venti milioni di seguaci, sostenitori e appassionati. Io sono molto contenta e fiera, il ragazzo lo merita“.

Cassini? Niente dualismi e invidie – “Ormai il mercato del calcio si è definitivamente globalizzato. Ragion per cui, seppure personalmente rimanga dell’idea che il movimento calcistico italiano dovrebbe lavorare al meglio per valorizzare i talenti di casa nostra, non vedo nulla di strano nell’attenzione che il club rosanero rivolge anche ai mercati esteri. In merito all’arrivo di Cassini, posso solamente dire che se il Palermo ha deciso di puntare sulle potenzialità di questo giovane classe 1996 avrà avuto le sue buone ragioni, non credo che questo costituisca oggetto di problema per noi, Bentivegna non ha nulla da invidiare ai suoi coetanei e sa di godere della stima del club che ripone su di lui molte aspettative. Ognuno avrà le proprie chance e dovrà essere bravo a giocarsele sul campo“.

La Gumina, Fiordilino e Lo Faso“Si tratta di tre giovani importanti, dei validi calciatori. Con la società stiamo valutando le rispettive situazioni contrattuali. Su La Gumina posso dire che verrà aggregato alla prima squadra, con cui ha già esordito in occasione del match contro il Milan. Dovrà confermare in termini di gol e prestazioni la splendida stagione appena trascorsa. Ripeto, si tratta di un giocatore molto valido, una punta molto fisica. In questo momento la società vuole aggregarlo alla prima squadra, non ci sono spiragli per prestiti. Luca Fiordilino è un centrocampista di qualità, ha dimostrato molto nel corso degli anni. Stiamo valutando col Palermo di permettere al ragazzo di fare un’esperienza altrove, per poi rientrare alla base e giocarsi al meglio le sue carte. Credo che questa sia la scelta momentanea per questo giocatore, anche la società vuole legarlo a sé perché vi crede molto. Lo Faso è un ’98 molto importante, ha mostrato personalità e carattere sia nel campionato allievi che nell’Europeo Under-17 e lo vedremo giocare nella squadra della Primavera. Il Palermo crede molto nelle sue potenzialità“.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy