ZENGA:”A PALERMO NON HO FALLITO,TORNERÒ”

ZENGA:”A PALERMO NON HO FALLITO,TORNERÒ”

A distanza di poco più di un anno dal suo esonero dalla panchina del Palermo, Walter Zenga ripercorre i passaggi focali della sua non fortunata avventura in rosanero lasciando trapelare.

Commenta per primo!

A distanza di poco più di un anno dal suo esonero dalla panchina del Palermo, Walter Zenga ripercorre i passaggi focali della sua non fortunata avventura in rosanero lasciando trapelare orgoglio per il lavoro svolto e qualche rimpianto per ciò che poteva essere e non è stato. “A volte la gente parla solo per il gusto di poter aprire la bocca – ha premesso lattuale tecnico dellAl-Nasr ai microfoni di Mediagol.it – ma la mia esperienza in rosanero non è stata un fallimento da parte mia perché quando sono andato via il Palermo aveva gli stessi punti dell’anno prima con Ballardini con la differenza che non disponevo di Liverani ed ho dovuto cambiare posizione a Simplicio. Nel momento in cui eravamo al top persii anche Balzaretti e Bovo e siamo andati a giocare a Milano contro l’Inter senza di loro, non avevamo tutti i cambi che ci sono adesso. Nelle stagioni ci sono cose non previste che possono succedere, poi è arrivato Delio Rossi e la stagione alla fine dei conti è andata come io avevo previsto andasse. Se parliamo di lavoro uno ci può restare male se si prende una decisione più o meno leggera ma i rapporti umani restano solidi e per me non è successo nulla, solo un’interruzione del rapporto di lavoro. Io sarei rimasto a Palermo molto volentieri per tanti anni – aggiunge Zenga – perché è una piazza importante dove si vive e si respira calcio, l’importante è che io ho mantenuto sempre un bellissimo rapporto con tutti e un giorno ci tornerò perché lì è nata mia figlia e mi legano tanti splendidi ricordi”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy