ZAMPARINI:”Perché Mutti? È il gemello di Reja”

ZAMPARINI:”Perché Mutti? È il gemello di Reja”

Era il 13 maggio 2011, poco più di 7 mesi fa, quando Maurizio Zamparini parlava per la prima volta di Bortolo Mutti come possibile futuro allenatore del Palermo. Era il giorno della.

Commenta per primo!

Era il 13 maggio 2011, poco più di 7 mesi fa, quando Maurizio Zamparini parlava per la prima volta di Bortolo Mutti come possibile futuro allenatore del Palermo. Era il giorno della lunghissima conferenza stampa in cui il presidente dei rosanero aveva voluto chiarire dal suo punti di vista le vicende giudiziarie legate al centro commerciale di Benevento. In vista dellimprobabile rinnovo di Delio Rossi per la stagione successiva già impazzava il toto-allenatore e il patron del club di viale del fante spiegò così linteresse per lex tecnico di Messina, Atalanta e tante altre squadre. “Uno che a me piace parecchio è Mutti, perché è stato a Palermo. E una persona per bene, mi è venuto in mente perché vedevo Reja. Lui e Mutti sono quasi gemelli. Vedendo come Reja ha amministrato la Lazio con grande capacità e serenità ho pensato subito a lui. Mutti lultima volta che labbiamo incontrato ci ha dato anche la paga, per un tempo eravamo davvero in barca. È molto bravo nei rapporti umani, lha tirato su lui il Bari questanno, stava andando proprio male, lui ha recuperato i rapporti coi ragazzi, ha ricostruito lo spogliatoio. È lo stesso che ha fatto Reja alla Lazio. Anche alla Lazio cera un manicomio nello spogliatoio quando cera Rossi, Reja ha sistemato dei personaggi mica facili”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy