ZAMPARINI: “Noi e Lazio tra 3° e 10° posto”

ZAMPARINI: “Noi e Lazio tra 3° e 10° posto”

“Perché la Lazio non è considerata per la vetta? Perché non ha imposto con autorità il suo gioco, ma ha usato anche furbizia e ottimo atteggiamento in campo, ho visto il.

Commenta per primo!

“Perché la Lazio non è considerata per la vetta? Perché non ha imposto con autorità il suo gioco, ma ha usato anche furbizia e ottimo atteggiamento in campo, ho visto il Porto vincere la Champions che non giocava benissimo ma era quello meglio messo in campo. Noi prima o poi la becchiamo. Lazio può durare fino alla fine, magari vincesse il campionato lei invece delle altre squadre, ma la storia, la statistica, la forza dell’organico delle big mi dicono da esperto che molto probabilmente non ce la farà a tenere questo ritmo per tutte le partite e non è facile. Se la vedo almeno per la Champions? Sicuramente ma questo lo dico dall’inizio quando dissi che dietro le big vedevo Roma, Lazio, Napoli, Palermo, Genoa e Fiorentina se recuperano, che possono arrivare dal terzo al decimo posto”. Lo ha detto Maurizio Zamparini a Radio Radio in vista della sfida di domenica al Renzo Barbera contro la Lazio. Al presidente del Palermo è stato chiesto un giudizio sul direttore di gara. “Arbitro Damato? Non lo sapevo, ma non mi interesso mai di questo, tanto che arrivo alla domenica e chiedo ai miei collaboratori chi arbitra. Io non li conosco singolarmente, non ha grande importanza chi mi arbitra perché vengono sempre in buona fede ma poi purtroppo succedono episodi a sfavore e penso solo alla sfortuna e non ad altro. In Europa con il Cska dovevamo vincere 2-0 dopo poco ma siamo stati fermati per due fuorigioco clamorosi, quando episodi giocano contro è dura ma è andata così”. Il presidente dei rosanero ha poi commentato il possibile sciopero dell’Aic. “Stiamo trattando, Lotito rappresenta il pensiero dell’assemblea ed è abile in questa trattativa. Naturalmente quello che manca in queste cose, come nel resto delle cose, è il buon senso, non si può pretendere che i calciatori vengano trattati come gli operai dipendenti quando loro sono prestatori di servizi ad alto livello e dovrebbero esser tolti dai contratti dipendenti, ma basterà un po’ di buon senso e niente demagogia. Mi fa sorridere il discorso che loro vogliono scioperare e ironicamente ho detto ai miei colleghi presidenti che se loro scioperano non gli diamo stipendi per un anno, loro hanno facoltà di non giocare noi di non pagarli ma sono sempre posizioni estreme che andrebbero allontanate privilegiando il buon senso”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy