Video: Hernandez nella storia col suo Hull, gol ed elimina Ranieri ai rigori

Video: Hernandez nella storia col suo Hull, gol ed elimina Ranieri ai rigori

La punta portata in Europa dal Palermo ha contribuito con un gol e un calcio di rigore segnato a portare i suoi ai quarti di Coppa di Lega

Commenta per primo!

Abel Hernandez e i suoi compagni sono entrati ieri di diritto nella storia dell’Hull City. L’attaccante uruguaiano ha trascinato con un suo gol il club che milita in Championship (la Serie B inglese) alla qualificazione ai quarti di finale della Coppa di Lega ai danni del Leicester, squadra di Premier League. E’ la prima volta in oltre cento anni di storia che le tigri arrivano così avanti nella manifestazione. Il grande deluso è Claudio Ranieri, tecnico degli sconfitti. I primi 90 minuti erano terminati 0-0, nei supplementari gli ospiti erano passati in vantaggio al 100′ con Mahrez, ma 5 minuti dopo è arrivato il pareggio di Hernandez. Ai rigori in gol lo stesso Abel, oltre che tutti e 4 gli altri rigoristi della sua squadra. Proprio Mahrez,

IL MOMENTO DI ABEL – L’ex punta del Palermo sta vivendo un buon momento in Inghilterra. L’Hull è in piena lotta per il vertice della Championship, dopo l’annata disastrosa in cui l’uruguaiano e i suoi compagni sono retrocessi dalla Premier League. Spesso ai margini nella stagione d’esordio, il bomber della celeste si sta ritagliando un ruolo da protagonista in questa annata. Sono già 7 le reti in 11 partite, un bottino strepitoso che lascia intuire come il suo valore tecnico sia di un’altra categoria almeno in Championship.

LE PAROLE DI RANIERI – Il tecnico del Leicester Claudio Ranieri non ha preso troppo male la sconfitta, nonostante l’eliminazione per mano di un club di categoria inferiore. “Sono deluso, ma abbiamo provato a vincere la partita – ha dichiarato nel post-partita –. Abbiamo segnato quattro rigori e fatto un solo errore che poi a dirla tutta non era neppure un vero errore, ma più un miracolo del portiere. Sono contento della prestazione dei ragazzi, soprattutto di quelli che non hanno tante occasioni di giocare e hanno dimostrato di meritare un’occasione in campionato”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy