UNA FRECCIA IN PIÙ PER GASPERINI: FRANCO BRIENZA , LA CLASSE AL SERVIZIO DEL PALERMO

UNA FRECCIA IN PIÙ PER GASPERINI: FRANCO BRIENZA , LA CLASSE AL SERVIZIO DEL PALERMO

di Roberto Chifari Il suo inizio di stagione non è stato dei migliori a causa di un brutto infortunio che lo ha tenuto ai box per qualche settimana. Ma il folletto di Cantù, tornato.

Commenta per primo!

di Roberto Chifari Il suo inizio di stagione non è stato dei migliori a causa di un brutto infortunio che lo ha tenuto ai box per qualche settimana. Ma il folletto di Cantù, tornato titolare e dopo laddio di Sannino, ha dato qualità e quantità al reparto offensivo e se si aggiungono anche i gol, allora la ricetta di Brienza diventa un prezioso mix di sapienti miscele. Il gol contro il Milan è stata una perla unica, un missile dai 25 metri scagliato desterno sinistro allangolo opposto della porta difesa da Amelia. Fino a quando è stato in campo, era stata proprio la coppia Miccoli-Brienza a dettare legge, poi la sostituzione per Giorgi e il cambio di modulo del Milan hanno propiziato il completamento la rimonta rossonera. Non è un caso se Massimiliano Allegri ha indicato lui come vera spina nel fianco. “Ci ha creato non poche difficoltà, perché le sue incursioni ci hanno messo in apprensione”. Così prima con Sannino e ora con Gasperini, Brienza è diventato la freccia in più nella faretra del tecnico rosanero, un valore aggiunto che porta in dote esperienza e qualità al servizio della squadra. In tutte le sue apparizioni il trequartista ha fatto sempre vedere tanta mobilità e una vivacità atletica che gli permette di primeggiare sugli avversari. Niente male per uno della sua età. E così oggi Gasperini ha ritrovato un giocatore che assicura quella qualità e quella fantasia necessarie per giocare fra le linee, mettendo in difficoltà i reparti difensivi avversari, che soffrono i suoi continui inserimenti. Lapporto di un talento del genere rappresenta una delle variabili più suggestive degli schemi adottati da Gasperini, che è tornato ad utilizzarlo da trequartista classico. Il tecnico lo sa e non nasconde di puntare molto sulle doti dellattaccante rosanero. “Ci dà più tecnica in avanti, ma può essere importante anche in altre fasi. Lui e Miccoli sono giocatori che insieme agli altri ragazzi dellattacco possono migliorare la qualità del nostro gioco. Possono essere molto utili anche a partita in corso cambiando improvvisamente le sorti del match”. Serve il miglior Brienza per mantenere la serie A e il pubblico del Barbera ha eletto lui, insieme a Miccoli, quali bandiere di questo nuovo corso. Ma per lattaccante rosanero, Palermo ha qualcosa di magico. “Il destino vuole che io possa chiudere la mia carriera proprio nella città e nella squadra dove tutto è cominciato. In cui sono diventato un uomo prima ancora che un calciatore”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy