Terrore a Bruxelles, Mertens: “Non posso credere che ciò stia accadendo”

Terrore a Bruxelles, Mertens: “Non posso credere che ciò stia accadendo”

Il calciatore del Napoli esprime il suo cordoglio nei confronti delle famiglie delle vittime.

1 Commento

Nessuna rivendicazione dell’Isis, ma non siamo lontani dalla verità ipotizzando che le esplosioni di questa mattina rappresentino una risposta all’arresto di Salah Abdeslam.

Video, terrore a Bruxelles: bomba in metro, così la gente prova a evacuare la ferrovia sotterranea

Bruxelles trema: le bombe esplose in mattinata hanno provocato 28 vittime (dato in aggiornamento). Bilancio drammatico, chiusa la frontiera tra Belgio e Francia e chiuse tutte le fermate dei trasporti pubblici.

Non posso credere che tutto ciò stia accadendo – si rammarica Dries Mertens, belga di nascita e cresciuto proprio a 30km dalla capitale – Voglio esprimere il mio sostegno per la famiglia e gli amici delle vittime”, conclude l’attaccante del Napoli.

Terrore a Bruxelles: la Nazionale belga annulla l’allenamento, a rischio match contro il Portogallo

1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Antonello Provenzano - 2 anni fa

    ho vissuto a Bruxelles un anno (e comunque ho fatto il pendolare da Lussemburgo per tre anni) e se un Belga dichiara che “non può credere a ciò che sta accadendo”, forse non ha mai messo piede a Bruxelles.
    Ormai da decenni è una città mediorientale: tredici morti anzi sono una contabilità molto lieve…

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy