TATTICA: COME SARÀ PALERMO DI GASPERINI

TATTICA: COME SARÀ PALERMO DI GASPERINI

Giampiero Gasperini è arrivato al grande calcio nel 2007, quando ha portato il suo Genoa in Serie A. Il suo calcio è particolarmente spregiudicato, il tecnico di Grugliasco, infatti,.

Commenta per primo!

Giampiero Gasperini è arrivato al grande calcio nel 2007, quando ha portato il suo Genoa in Serie A. Il suo calcio è particolarmente spregiudicato, il tecnico di Grugliasco, infatti, utilizza un 3-4-3 molto offensivo ed ha sempre messo in mostra un calcio decisamente più votato allattacco che non prenderle. La difesa sarà senza dubbio a 3, non troppo distante da quella schierata da Sannino nella gara desordio contro il Napoli. Non ci aspettiamo una retroguardia impenetrabile, per sua stessa ammissione Gasperini cura decisamente di più la fase di possesso palla. Lex allenatore dellInter quando si trova ad affrontare squadre che giocano con una sola punta preferisce passare a 4, scalando uno dei centrali sulla fascia e abbassando uno degli esterni di centrocampo. Facile prevedere che a Palermo Mantovani andrebbe a sinistra e Pisano arretrerebbe il suo raggio dazione. Cetto e Munoz si giocherebbero il terzo posto da centrale con Milanovic, mentre Mantovani e Von Bergen ci sembrano più sicuri del posto. Nel calcio moderno nessuno gioca con tre difensori senza contare sullapporto dei due esterni di centrocampo, che dovranno supportare il gioco difensivo, ma anche sovrapporsi alle punte esterne nel gioco dattacco. A Genova giocatori come Mesto, Modesto e Criscito coprivano per intero la fascia, nel Palermo di oggi forse soltanto Pisano ha dato qualche garanzia in tal senso. A sinistra il mercato ha lasciato aperta una falla enorme e probabilmente finirà per adattarsi il solito Bertolo. Difficile capire quali elementi della rosa attuale siano i più adatti per formare la coppia di centrocampo, ma cè una certa abbondanza, così Gasperini dovrà solo decidere chi mandare in campo tra Rios, Barreto, Donati, Viola e Kurtic. In attacco il tridente di Gasperini può riservare più di una sorpresa. La punta centrale non farà soltanto da ariete in mezzo allarea di rigore, ma come il miglior Milito farà da sponda per favorire gli inserimenti dei compagni. Gasperini ha utilizzato spesso punte centrali un po atipiche, come Sculli, Jankovic ed Olivera, diventa così difficile capire se a Palermo si affiderà ad un centravanti vecchio stampo come Budan, preferirà la velocità di Hernandez, oppure la tecnica di Miccoli. Pensiamo che il fantasista salentino possa essere impiegato sulla fascia sinistra, mentre a destra potrebbe andare Iliic. Entrambi si sono molto sacrificati nelle prime uscite stagionali con Sannino e dovranno continuare a farlo con Gasperini che chiede ai suoi esterni dattacco di aiutare il centrocampo in fase di non possesso. Il ritorno di Zahavi e Brienza potrebbe aggiungere frecce allarco di Gasp, ma attenzione a non sottovalutare Dybala.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy