SPARTA-PALERMO 3-2: LE PAGELLE DI MEDIAGOL.IT

SPARTA-PALERMO 3-2: LE PAGELLE DI MEDIAGOL.IT

E un Palermo incostante e bello a tratti quello che ha perso contro lo Sparta Praga, prima partita del girone di Uefa Europa League. La squadra è apparsa troppo sbilanciata in avanti, non per.

Commenta per primo!

E un Palermo incostante e bello a tratti quello che ha perso contro lo Sparta Praga, prima partita del girone di Uefa Europa League. La squadra è apparsa troppo sbilanciata in avanti, non per volontà di Rossi: sono gli uomini a sua disposizione che per indole fanno del Palermo una squadra talentuosa e offensiva, ma con poco equilibrio e costanza. Tanti giovani e pochi punti di riferimento. Queste le pagelle di Mediagol.it dopo Sparta Praga-Palermo 3-2: Sirigu 5 – Il portierone rosanero non sembra più quello dell’anno scorso. Compie delle belle parate nel primo tempo, ma tre gol sono troppi anche se le responsabilità vanno divise con la difesa. Darmian 5,5 – Sostituisce Cassani sulla fascia destra e fa bene nel primo tempo, nel secondo paga la stanchezza. Gilk 5 – Gioca con convinzione, ma non trasmette sicurezza. In diverse situazioni sembra in balia degli avversari. Non è facile comunque giocare così lontano dagli esterni. Bovo 5,5 –Subisce la forza e la velocità degli attaccanti dello Sparta Praga, si mette in luce per alcuni interventi, ma dall’uomo più esperto della difesa rosanero ci si aspetta qualcosa in più. Balzaretti 6,5 – E’ inesauribile, come sempre. Spinge e si propone in avanti, accompagna e supporta la squadra. Fa l’assist a Hernandez che porta il risultato sul 3-2. Migliaccio 6 – A centrocampo si occupa di distruggere la manovra degli avversari. Si ferma solo quando in un contrasto cade e si fa male ad una spalla. Kasami 6- (dal 13 st) – Il suo ingresso in campo al posto di Migliaccio non cambia molto. Continua nel lavoro di sfiancamento degli avversari cominciato dal compagno senza strafare. Liverani 5,5 – Contro lo Sparta Praga non basta la sua esperienza. Nella ripresa sembra non reggere più il ritmo della partita e la velocità degli avversari. Rigoni 6 – Si limita a eseguire i compiti assegnatigli dal mister, gioca con umiltà e in modo semplice. Joao Pedro SV(dal 37 st) – Per lui è l’esordio con la maglia del Palermo, ma non lascia alcun segno. Pastore 7 – La sua fantasia è l’unica vera arma dei rosanero. C’è la sua mano nel gol di Maccarone, non è fortunato quando colpisce la traversa. Luomo chiave dei rosa è lui, peccato che gli avversari ormai lo sanno. Hernandez 6 – Nel primo tempo non si vede molto, nel secondo si sveglia. Perde diversi contrasti nel corpo a corpo e l’arbitro non gli fischia nessun fallo a favore, soffre per questo. Trova il gol che riaccende le speranze con un pregevole colpo di tacco. Maccarone 6 – Forte e intelligente, spreca molte energie in avanti e rallenta nel secondo tempo. Con Hernandez sembra non avere una grande intesa.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy