SORRENTINO:”Mio padre?Ci accomuna la sfortuna”

SORRENTINO:”Mio padre?Ci accomuna la sfortuna”

Attraverso le colonne de La Gazzetta dello Sport, Stefano Sorrentino ha parlato del rapporto col padre, Roberto Sorrentino, ex portiere e capitano del Catania. “Con papà non parliamo di.

Commenta per primo!

Attraverso le colonne de La Gazzetta dello Sport, Stefano Sorrentino ha parlato del rapporto col padre, Roberto Sorrentino, ex portiere e capitano del Catania. “Con papà non parliamo di calcio, ha sempre avuto paura che i suoi giudizi potessero condizionarmi. Però mi ha insegnato il rispetto e la correttezza che io cerco di inculcare alle mie figlie, Carlotta, Matilda e Maria Vittoria, che ho avuto con mia moglie, e Viola, nata dalla mia attuale compagna Sara – ha dichiarato il portiere del Palermo -. Qualcosa che mi accomuna a mio padre? La sfortuna. Entrambi avremmo meritato di giocare in squadre da scudetto, ma non siamo riusciti a cogliere certe occasioni. Papà poteva andare alla Juve al posto di Tacconi, ma c’era una clausola nel contratto col Catania che in caso di promozione in A sarebbe rimasto. E pure io dovevo andare a Torino quando si fece male Buffon, al posto di Storari, ma le società in extremis non si misero d’accordo”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy