SABATINI: “Zerbo e quelle veroniche arroganti…”

SABATINI: “Zerbo e quelle veroniche arroganti…”

A 16 anni compiuti lo scorso maggio gli sono bastati pochi minuti per fare intravedere notevoli colpi di classe nella serata del suo esordio assoluto in prima squadra in palcoscenico prestigioso ed.

Commenta per primo!

A 16 anni compiuti lo scorso maggio gli sono bastati pochi minuti per fare intravedere notevoli colpi di classe nella serata del suo esordio assoluto in prima squadra in palcoscenico prestigioso ed importante come l’Europa League. Stiamo parlando di Gabriele Zerbo, attaccante classe ’94 che il tecnico Delio Rossi ha “lanciato” nei minuti finali della vittoriosa trasferta di Losanna. Anche di lui ha parlato l’ormai ex direttore sportivo rosanero Walter Sabatini, intervistato dalla redazione di Mediagol.it. “E’ un ragazzino forte, talentuoso, ma non vorrei andare oltre con i giudizi perché mercoledì è stato già abbastanza arrogante in campo, ha provato due o tre veroniche dimostrando di essere un ragazzo che ha delle qualità. Sia Rosario Argento che Beruatto me ne avevano parlato insieme a Massara, ma con lui siamo proiettati più avanti nel tempo – ha spiegato l’ex dirigente di Viale del Fante – Zerbo deve essere disciplinato anche a livello comportamentale? Insomma, molte volte il talento si associa anche alla creatività nella vita, non drammatizzerei questa cosa, ma neanche vorrei che lelogio fosse esteso fino a un punto di non ritorno. E un ragazzino che deve ancora essere testato a livello di Primavera, quella di Losanna è stata solo una positiva e bella coincidenza. Sono felice per tutti i tecnici del settore giovanile: Beruatto, Compagno e Rosario Argento. Sono persone che lavorano bene e quando ci sono questi episodi è giusto attribuire i meriti a chi ce li ha”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy