Sabatini: “Stiamo lavorando bene, Miccoli sta riflettendo”

Sabatini: “Stiamo lavorando bene, Miccoli sta riflettendo”

Intervistato dalla redazione di “Tgs”, il direttore sportivo del Palermo Walter Sabatini ha parlato del mercato rosanero, commentando i recenti acquisti di Kasami, Maccarone e Pinilla e.

Commenta per primo!

Intervistato dalla redazione di “Tgs”, il direttore sportivo del Palermo Walter Sabatini ha parlato del mercato rosanero, commentando i recenti acquisti di Kasami, Maccarone e Pinilla e promettendo altri colpi. “Kasami? Nonostante sia un ragazzino e avrà tutto il tempo per imporsi, sono sicuro che si ritaglierà il suo spazio durante la stagione. Gli altri due acquisti conclusi (Pinilla e Maccarone, ndr) sono attaccanti che abbiamo cercato e voluto, ci assumiamo la responsabilità delle nostre scelte – ha spiegato Sabatini – siamo nella fase introduttiva della campagna acquisti, faremo tante altre cose ancora. Il mercato però è bene ricordare che non lo facciamo da soli ma insieme a tante altre società”. Successivamente il ds rosanero si è soffermato sulla probabile partenza delluruguaiano Edinson Cavani. “Per lui ci sono molte offerte, poi bisognerà fare un pò di sintesi intorno a questa cosa. Lofferta del Wolfsburg? Il presidente Zamparini ha parlato con i tedeschi, ha ricevuto unofferta importante ma è giusto dire che non è lunica. Il giocatore comunque deve solo pensare a star tranquillo perchè è impegnato con la Nazionale ai Mondiali, e personalmente spero che riuscirà a ritagliarsi il giusto spazio. Successivamente ne parlaremo con lui”. Nelle ultime ore di mercato, un nuovo nome è stato accostato al Palermo: quello di Eguren. “Rilevo con orgoglio, a volte anche con divertimento, che al Palermo vengono accostati spesso tanti giocatori, vuol dire che siamo credibili”. Diverso invece il pensiero dell’ex ds della Lazio quando si fa il nome di Behrami “Lui lho citato io perché un brandello di verità cè ma nella maggior parte dei casi ci accreditano di seguire giocatori perché, e orgogliosamente lo dico, il Palermo è una società credibile, questo depone a favore nostro e di Zamparini, siamo una società importante”. Sabatini ha inoltre commentato le dichiarazioni odierne di Fabio Liverani che ha chiesto di rinnovare subito il contratto in scadenza. “Cè la possibilità di rinnovare questo contratto, ma i tempi li determina la società – ha replicato il dirigente rosanero – noi in genere limitiamo le interviste estive, perché il clima vacanziero a volte fa dire una parola in più o in meno, fatto salvo che Liverani ha detto giustamente quello che pensa. Liverani si presenta come un uomo e giocatore importante, segno che è legato fortissimamente alla maglia, noi vogliamo questo tipo di giocatori. La sua richiesta è legittima e condivisibile, ma la società farà le sue riflessioni”. Impossibile non toccare l’argomento più scottante di questi giorni, ovvero la permanenza di Fabrizio Miccoli in rosanero. “Il calciatore ci ha riferito di un suo stato danimo, ho parlato brevemente con lui, ma anche il presidente ha parlato con il giocatore. Valuteremo presto il tutto. Io non drammatizzerei nessuna circostanza relativa al mercato e alle scelte che potranno fare la società e gli stessi calciatori. Miccoli è stato per noi fondamentale, dal punto di vista tecnico e morale. Si è da subito imposto cercando di cementare la passione e la benevolenza della gente nei confronti della squadra, per noi è importante non perderlo. Ma è altrettanto importante che lui possa avere la sua tranquillità e che possa fare le sue scelte serenamente”. L’interesse del Birmingham per le prestazioni del numero 10 palermitano è concreto, e l’offerta economica è di quelle che fanno riflettere. “Miccoli dubbioso? Il dubbio è un beneficio per tutti, in tutte le situazioni che ci riguardano siamo di fronte a dubbi, per piccoli o grandi problemi nella vita è così. E normale che il giocatore possa avere dei dubbi, perchè ha ricevuto unofferta salariale che ho definito faraonica. Il Palermo non può e non vuole pareggiare questa proposta economica per una scelta ben precisa adottata dalla società – ha spiegato Sabatini – Già tempo fa il presidente ha deciso di adottare questa linea societaria, e dobbiamo stare attenti a non andare al di fuori di quanto ci siamo prefissati. Aldilà di quello che è stato e che continuerà ad essere per noi, non possiamo andare fuori da questo percorso. Vedremo insieme il da farsi ma con molta tranquillità”. di Alberto Giambruno

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy