ROSA A TRAPANI FRA ALTI E BASSI RISPOSTE POSITIVE DALLA DIFESA “TITOLARE” PER 20 MINUTI

ROSA A TRAPANI FRA ALTI E BASSI RISPOSTE POSITIVE DALLA DIFESA “TITOLARE” PER 20 MINUTI

Penultima amichevole per il Palermo prima della partenza ufficiale del campionato di Serie A. Un match dai due volti che alla fine, tirando le somme, regala più spunti positivi che negativi. .

Commenta per primo!

Penultima amichevole per il Palermo prima della partenza ufficiale del campionato di Serie A. Un match dai due volti che alla fine, tirando le somme, regala più spunti positivi che negativi. di Sarah Castellana Il risultato e l’andamento generale del match, infatti, non deve ingannare. Quello odierno, infatti, era soprattutto il test della “nuova” difesa a quattro. E i titolari al completo hanno giocato insieme solo per venti minuti ad inizio ripresa. Sono stati venti minuti di ottimo Palermo, autoritario, che ha rischiato poco e sempre col pallino del gioco in mano. Una differenza evidente, rispetto alla fase centrale del primo tempo, momento in cui in diretta vi abbiamo parlato, a ragione, di una formazione in confusione, nonostante la caratura dell’avversario. Il reparto difensivo oggi, infatti, ha avuto tre facce: la prima con Pisano, Munoz, Mantovani, Balzaretti. La seconda, come detto in precedente, con la linea, ad oggi, titolare: Cassani, Silvestre, Mantovani, Balzaretti. E la terza, nel finale di match, con Cassani, Silvestre, Milanovic e Di Matteo (questultimo adattato al ruolo di terzino). Le risposte fornite dal reparto schierato per i primi venti minuti della ripresa, quindi, sono state positive. E questo è un elemento importante considerato che contro il Trapani proprio la difesa era sotto i riflettori dopo le parole di Pioli della scorsa settimana e l’annuncio del ritorno alla linea a quattro. Cassani, Silvestre, Mantovani e Balzaretti, tutti insieme, hanno risposto “presente”. Trapani-Palermo, però, non è stata solo la partita della difesa titolare. E qui i nodi vengono al pettine. Così come evidenziato anche dalle pagelle del presidente Zamparini di fine primo tempo, il problema a centrocampo è ancora presente. L’ottima prova di Acquah da mezz’ala e la prestazione non entusiasmante di Bacinovic, testimoniano che, da un lato il giovane ghanese si esalta in quel ruolo ed è utilizzato solo a “mezzo servizio” da regista davanti alla difesa e dall’altro che lo sloveno fa fatica a prendere per mano la squadra. Anche lui, senza gli assilli dell’impostazione della manovra rende al meglio. Ecco, quindi, che la lacuna legata al regista, al centrocampista di qualità, al Mister X rosanero, comunque vogliate chiamarlo, rimane ed è sotto gli occhi di tutti. Il Trapani è riuscito a prendere il sopravvento a metà primo tempo, proprio salendo in cattedra a centrocampo. Gli ultimi 10 giorni di mercato ci diranno se il club rosa correrà ai ripari. Per il resto, considerando l’”impasto” operato da Pioli, che ha mischiato le carte durante tutto il match (basti pensare ai 30 minuti fatti disputare ai tre portieri), gli elementi positivi sono venuti a galla: Miccoli nella prima frazione ha preso per mano i compagni proprio nel momento di maggior difficoltà e nella ripresa il trio Ilicic-Zahavi-Hernandez ha raccolto il testimone del capitano rosanero, esaltandosi nella prateria lasciata incolta dalla retroguardia granata. Autoritario e sicuro Silvestre, all’esordio con la maglia rosanero proprio nel primo test di un certo spessore giocato dal Palermo dopo l’Europa League. Fra Trapani e Novara, c’è di mezzo il Fenerbahce e la fine del calciomercato, ma ciò che emerge dall’amichevole giocata dai rosa contro i granata è che alla formazione di Pioli non serve una rivoluzione, anzi. Pochissimi innesti, ma di grande qualità, potrebbero far guardare al prossimo futuro con ancor più ottimismo.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy