ROMA-PALERMO, LE PAGELLE DI MEDIAGOL

ROMA-PALERMO, LE PAGELLE DI MEDIAGOL

Di Fabrizio Anselmo
.

Commenta per primo!

Di Fabrizio Anselmo

Il Palermo espugna l’Olimpico 2-1 e chiude il campionato all’undicesimo posto a quota 49. Una partita che non fa sicuramente testo, ma che è di buon auspicio per il futuro di una squadra che si è salvata con largo anticipo e che fa prove tecniche per la prossima stagione da molto tempo.

SORRENTINO 6 non si sporca praticamente mai i guantoni e non può nulla sul pallonetto di Totti.

VITIELLO 6,5 attento in difesa dove non soffre gli inserimenti dell’attacco della Roma.

GONZALEZ 7 leader della difesa, chiude gli spifferi della retroguardia rosanero.

TERZI 6 soffre la velocità e i tagli di Florenzi, ma disputa una partita diligente

QUAISON 6+ sembra costantemente a un passo dall’essere decisivo, ma gli manca sempre la scintilla finale per la detonazione.

JAJALO 6,5 Sporca tutti i palloni che transitano dalle sue parti, rendendo imprecisa la manovra della Roma. RISPOLI 5,5 sbaglia il fuorigioco nel gol di Totti.

MARESCA 6 cerca di dettare i tempi, ma troppo spesso i lanci lunghi dalla difesa a cercare Belotti o Vazquez, finiscono per escluderlo dalla manovra

CHOCHEV 6,5 la sua partita non è solo il rigore procurato su un inserimento, ma il lavoro tra le linee prezioso sia in fase offensiva che difensiva. DELLA ROCCA 6,5 le partite di fine campionato non sono mai particolarmente indicative, ma questo Della Rocca ha dimostrato di meritare quanto meno un posto in panchina per la sua voglia di fare e per il suo saper entrare subito in partita.

LAZAAR 6- cerca sempre il numero più perché si diverte col pallone tra i piedi, che non per reale necessità. EMERSON 6,5 concreto sia in fase offensiva che difensiva.

VAZQUEZ 7 sfata anche il tabù rigore e sfrutta al meglio i ritmi bassi della partita. Vedergli accarezzare il pallone è sempre una gioia per gli occhi.

BELOTTI 6,5 segna il gol che decide la partita e lotta su ogni pallone come se fosse sempre quello decisivo. Peccato per l’errore a un metro dalla porta che avrebbe chiuso l’incontro con qualche minuto d’anticipo.

IACHINI 7 non era facile mantenere alta la concentrazione nell’ultima partita di campionato. Mister da Serie A.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy