ROMA-PALERMO: 4-1 COMMENTO FINE GARA

ROMA-PALERMO: 4-1 COMMENTO FINE GARA

Il Palermo affonda allo stadio “Olimpico” di Roma contro una squadra ferita e reduce da alcune brucianti sconfitte. Si interrompe così la striscia positiva data dalla vittoria col.

Commenta per primo!

Il Palermo affonda allo stadio “Olimpico” di Roma contro una squadra ferita e reduce da alcune brucianti sconfitte. Si interrompe così la striscia positiva data dalla vittoria col Chievo e dai quattro pareggi consecutivi, ma le modalità dellumiliante ko rosanero appaiono incomprensibili: non uno straccio di gioco, un modulo indefinito e nessuna idea valida per impensierire la truppa di Zeman. Niente a che vedere con i primi 45 contro il Milan di martedì scorso. Dopo un primo tempo pessimo da parte del Palermo, ad inizio ripresa il copione non cambia. Roma in avanti e serie di corner, al 2 minuto rovesciata di Osvaldo e poi al 4 riflesso di Ujkani su colpo di testa di Burdisso. Ancora assalto giallorosso, al 6 si inseriscono Bradley e Lamela. Il Palermo non risponde, isolato Miccoli lì davanti: così dopo neanche dieci minuti dentro Ilicic al posto di Kurtic, ma non cambia il modulo che resta un 4-2-3-1. Sono sempre Lamela, Totti e compagni a fare la partita: al 12 Osvaldo si beve Von Bergen e poi si divora il 3-0 tentando di piazzare la palla sul portiere in uscita. Imbarazzante il Palermo, anche gli appoggi elementari non riescono. Niente cambi di gioco, poca velocità: il Palermo non cè. La Roma invece non perde mai loccasione per farsi viva dalle parti di Ujkani, al 17 è la volta di Balzaretti. Irriconoscibile il Palermo, letteralmente in balìa dellavversario: incerto Munoz dietro, poco utile Rios in mezzo, spento lex di turno Brienza e confusionario Bertolo. Soltanto il solito Miccoli tenta di non mollare, ma il suo tiro al 23 non impegna più di tanto il portiere Goicoechea. Sul capovolgimento di fronte Lamela sigla il 3-0 arrivando tutto solo su un buon pallone di Tachtsidis che attraversa tutta larea sfuggendo anche al tentativo di Ujkani di intercettare il cross basso. Tardivo a questo punto lingresso di Dybala al posto di Brienza; Zeman manda in campo Marquinho e Destro al posto di Florenzi e Totti. Intorno alla mezzora ci prova Ilicic dalla distanza, ma il portiere è attento e quello dello sloveno è un lampo isolato. Tanto che torna in avanti la Roma e il nuovo entrato Destro a dieci minuti dalla fine cala il poker infilando sul filo del fuorigioco Munoz e superando in dribbling Ujkani. Il giovane azzurro si toglie la maglia e rimedia il secondo giallo in pochi minuti: cè il rosso per lui. Nel finale, nonostante tutto, arriva la rete della bandiera di Ilicic che di sinistro batte il portiere realizzando la sua prima rete stagionale e fissando il 4-1 definitivo. Male, malissimo il Palermo visto in campo nella capitale: gara approcciata male e portata avanti peggio. Solo nella ripresa qualche timido segnale di risveglio con un discreto Ilicic che ha predicato nel deserto guadagnando lunica sufficienza tra i rosanero in quella che è sembrata più una seduta dallallenamento della Roma che una vera e propria partita di calcio. E la classifica continua a piangere, aspettando la gara del lunch-time di domenica prossima in casa contro la Sampdoria.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy