PERGOLIZZI: “Formati prima uomini, poi calciatori”

PERGOLIZZI: “Formati prima uomini, poi calciatori”

“Perché tra i tanti giovani che hanno lasciato la categoria Primavera non c’è stato nessuno ‘lanciato’ in prima squadra? Ritengo che l’impatto per un giovane in una realtà.

Commenta per primo!

“Perché tra i tanti giovani che hanno lasciato la categoria Primavera non c’è stato nessuno ‘lanciato’ in prima squadra? Ritengo che l’impatto per un giovane in una realtà importante come la Serie A a Palermo possa essere difficile. La strategia della società penso sia la migliore, perché la gavetta nei campionati minori è fondamentale. Bisogna crescere gradualmente, e se si ha la fortuna un giorno di indossare la maglia rosanero non bisogna sedersi, perché essere calciatore non significa avere il look alla moda o portare la fascia in testa ma avere un forte senso del sacrificio della disciplina e voglia di arrivare”. E’ questo il pensiero di Rosario Pergolizzi, ex allenatore del Palermo Primavera, intervistato in esclusiva da “Mediagol.it”. “Per questo ho lavorato molto sotto il profilo mentale della disciplina e della professionalità di questi ragazzi e ho cercato soprattutto di formare prima uomini che calciatori”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy