Parla l’agente di Inler: “Il Palermo lo voleva”

Parla l’agente di Inler: “Il Palermo lo voleva”

Intervistato da Tuttomercatoweb, Dino Lamberti, procuratore del centrocampista svizzero dellUdinese, Gokhan Inler, ha parlato del futuro dell suo assistito: “Se dopo anni importanti a Udine, non per.

Commenta per primo!

Intervistato da Tuttomercatoweb, Dino Lamberti, procuratore del centrocampista svizzero dellUdinese, Gokhan Inler, ha parlato del futuro dell suo assistito: “Se dopo anni importanti a Udine, non per la città o la piazza ma per le ambizioni, forse lUdinese comincia a stargli un po stretta? Questo è giusto. E un progetto che avevamo io e con Pozzo, se dopo tre anni arriva una cosa importante buona per il ragazzo, facciamo il prossimo passo. Però lUdinese ancora non è salva, voglio che sia lui che il ragazzo stiano tranquilli. Ho detto a tutti che chi vuole il ragazzo deve parlare con lUdinese – ha dichiarato Lamberti – Penso che il nostro prossimo passo debba essere una squadra che vuole fortemente il ragazzo, ma non formazioni come Inter, Milan o Real Madrid, bensì, per fare un esempio, squadre come Roma, Napoli, Palermo o Sampdoria. Gökhan deve potersi mostrare in una squadra che gioca la Champions o lEuropa League affinché cresca in tutto e per tutto per poi approdare in una grandissima. Lui vorrebbe restare in Italia, io credo che sarà importante anche come giocherà il Mondiale. Tutti nella vita, calciatori o muratori, hanno un sogno. Il suo, nel tempo, è quello di giocare in Italia in una grandissima squadra”. Successivamente Lamberti ha svelato un retroscena di mercato legato proprio ai rosanero. “Il Palermo lo voleva, poi non ci siamo trovati. Non sul prezzo, perché giocava a Zurigo e quindi era impossibile che non ci si trovasse sui numeri. Per me è importante sentire che una società vuole i miei assistiti al 100%. Non faccio un trasferimento solo per soldi. Non sentivo quella convinzione necessaria. LUdinese invece lo ha voluto con tutte le proprie forze. Cerano anche Herta Berlino e Lazio, ma i bianconeri hanno creduto nel ragazzo fino dal primo giorno”. di Alberto Giambruno

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy