PALERMO, RIMONTA BEFFA I ROSA, AVANTI 2-0, SI FANNO AGGUANTARE DAL MILAN. MANCATO AGGANCIO IN CLASSIFICA

PALERMO, RIMONTA BEFFA I ROSA, AVANTI 2-0, SI FANNO AGGUANTARE DAL MILAN. MANCATO AGGANCIO IN CLASSIFICA

di Fabio Corrao Lincompiuto. Così si potrebbe definire questo Palermo di Gasperini, che dopo le buone prove senza vittoria contro Torino e Siena, riesce stavolta nellimpresa di farsi.

Commenta per primo!

di Fabio Corrao Lincompiuto. Così si potrebbe definire questo Palermo di Gasperini, che dopo le buone prove senza vittoria contro Torino e Siena, riesce stavolta nellimpresa di farsi pareggiare una partita fin lì dominata, in vantaggio di due gol, e non contro un avversario qualsiasi, ma contro il Milan. Un Milan che era a portata di mano anche in classifica, che sarebbe stato agganciato dai rosanero se solo avessero saputo gestire meglio il doppio vantaggio. La partita nasce con un piccolo giallo: Donati si fa male nel prepartita, ma si decide di rischiarlo lo stesso. Il risultato è che il primo cambio è bruciato dopo appena quattro minuti, perché il centrale non ce la fa, e viene sostituito da Von Bergen. Il secondo episodio che cambia la gara è ancora una volta legato ad una sostituzione: Brienza segna lo splendido gol che porta i rosa sul 2-0, sta facendo ammattire la difesa dei rossoneri, e viene cambiato con Giorgi, che invece non azzecca un passaggio che sia uno senza peraltro riuscire a fare quello che avrebbe dato un senso al suo ingresso in campo, cioé garantire maggior copertura. Sono due episodi chiave che raccontano di una partita gradevole tra due squadre in crisi di punti. Ma se la partita è stata bella, per cinquantacinque minuti il merito è esclusivo del Palermo, che gioca un ottimo calcio palla a terra e in velocità, costringendo centrocampisti e difensori del Milan a collezionare ammonizioni e mal di testa in serie. Come detto, poi la gara è svoltata, i rosanero complice anche la stanchezza, hanno di fatto smesso di giocare, e si è lasciato troppo campo a giocatori che staranno anche attraversando un momento di difficoltà, ma non sono certo gli ultimi arrivati sui campi della serie A. Quando si subisce una rimonta tale in un simile contesto è poi difficile capire se pareggiare contro il Milan sia un buon punto, o farsi riprendere in tal modo raffiguri solamente due punti persi. Non cè però dubbio che sul piano del gioco il Palermo ha surclassato il Milan per unora, e qualora si fosse tentati da pensieri autodistruttivi basterebbe solo ricordare questo per pensare davvero di poter svoltare. Se i rosanero non perdono da cinque partite il merito va senzaltro attribuito a mister Gasperini, che ha saputo coinvolgere i calciatori nella sua affascinante idea di gioco. Ma al tecnico, in base a quanto detto prima, va anche mosso un piccolo appunto: non è la prima volta che i cambi in corsa peggiorano il rendimento della squadra. Era successo a Genova, nella ripresa con il Torino, e a Siena alcune scelte erano sembrate tardive. Se prima cera il problema del gol, oggi finalmente sbloccato, adesso è questo laspetto sul quale concentrarsi per migliorare e per uscire quanto prima dalle secche della bassa classifica.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy