Palermo-Cagliari 3-1: la cronaca del match

Palermo-Cagliari 3-1: la cronaca del match

Di Sarah Castellana Dopo la sconfitta e la prestazione deludente di Bergamo, la compagine di Mangia sembra aver imparato la lezione, scende in campo al Barbera contro il Cagliari con tutt’altro.

Commenta per primo!

Di Sarah Castellana Dopo la sconfitta e la prestazione deludente di Bergamo, la compagine di Mangia sembra aver imparato la lezione, scende in campo al Barbera contro il Cagliari con tutt’altro spirito di gioco conquistando la seconda vittoria consecutiva in casa. Panchina per lo sloveno Ilicic, Devis Mangia gli preferisce Bertolo provando la stessa tattica utilizzata contro l’inter. Grande avvio di gara per i rosanero che dominano in lungo e in largo per tutta la prima frazione di gioco. Dopo appena 18’’ dal fischio d’inizio, Eran Zahavi con una prodezza imparabile da fuori area fa esplodere il Barbera. Primo centro in A per il giovane israeliano con passaporto francese che sigla il temporaneo 1-0. Dopo qualche minuto l’arbitro annulla un gol in presunto fuorigioco di Migliaccio su cross da punizione del Capitano. Al 15’ Balzaretti fa fuori la difesa cagliaritana e serve Miccoli il quale vede e manda a rete Bertolo che ha tutto il tempo che gli occorre per stoppare, girarsi e trafiggere col destro il portiere rossoblu mettendo al sicuro il vantaggio. È ancora Zahavi ad impensierire i rossoblu con un tiro dalla distanza troppo alto e dopo tre minuti gli si presenta un’altra occasione grazie ad un assist di Balzaretti dalla sinistra, ma non riesce a finalizzare col mancino. Al 32’ Fabrizio Miccoli sfiora una rete impossibile calciando una palla rasoterra sul secondo palo. Le uniche occasioni per il Cagliari arrivano al termine del primo tempo con Biondini, Nainggolan e infine Thiago Ribeiro che in spaccata riesce appena ad accarezzare un ottimo pallone di Nenè. Il Palermo rientra negli spogliatoi dopo un’ottima prestazione e un risultato parziale poco generoso rispetto alle occasioni presentate, a discapito di una formazione cagliaritana completamente inesistente. Nel secondo tempo due diversi approcci alla gara: il Palermo del primo tempo resta negli spogliatoi, probabilmente a causa della stanchezza non riesce ad avere la stessa lucidità e superiorità dei primi 45’. Il Cagliari invece rientra in campo con tutta la voglia di recuperare una gara che sembrava ormai conclusa. Si gioca esclusivamente sulla trequarti del Palermo. Al 6’ Nenè colpisce di testa una palla perfetta arrivata da un cross di Agostini, ma Tzorvas si oppone. I rosanero sono visibilmente in difficoltà e faticano a contenere i rossoblu che appaiono adesso molto più fluidi e concentrati. Ma proprio nel momento migliore del Cagliari arriva una rete del talento salentino che trafigge con una punizione a giro Agazzi posizionato male e con una visuale limitata. Palermo 3 Cagliari 0. La rete della bandiera arriva col numero 5 Conti che su punizione , grazie ad una barriera posizionata in modo maldestro, riesce ad incalzare Tzorvas. Al 46’ la retroguardia rosanero si apre completamente e permette a Nainggolan di mettere a segno il secondo gol dei sardi. Il tecnico Mangia può dirsi certamente soddisfatto dei suoi ragazzi, usciti vittoriosi dal derby delle isole, ma lascia il Barbera con la consapevolezza di dover trovare al più presto una soluzione per rendere migliore il reparto difensivo che nel finale di partita e in generale nel secondo tempo ha evidenziato grosse lacune .

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy