MERCATO:LA SCHEDA DI LUIS NERY CABALLERO

MERCATO:LA SCHEDA DI LUIS NERY CABALLERO

Di figli darte è pieno il mondo del calcio, da Maldini a Veron fino a esempi recenti e di portata internazionale come Hernandez del Manchester United. Il Palermo qualche anno fa stava per.

Commenta per primo!

Di figli darte è pieno il mondo del calcio, da Maldini a Veron fino a esempi recenti e di portata internazionale come Hernandez del Manchester United. Il Palermo qualche anno fa stava per acquistare Gianmarco Zigoni, figlio di Gianfranco, ma non ha una grossa tradizione in questo senso. Potrebbe cambiare marcia acquistando Luis Nery Caballero, attaccante dellOlimpia di Asuncion, ultimo nome in ordine di tempo ad essere stato accostato ai rosanero, figlio di omonimo padre difensore di Guarani, dello stesso Olimpia di Asuncion e della nazionale paraguaiana in 27 occasioni compreso il mondiale 1986 in Messico. Il giovane Luis è nato ad Asuncion il 22 aprile 1990. Ha iniziato col calcio sotto la guida del professor Daniel Raschle, apprezzato allenatore di varie squadre giovanili della Prima divisione paraguaiana. A soli 15 anni è approdato allOlimpia dove ottenne ha ottenuto ottimi risultati nelle varie formazioni giovanili, fino ad essere promosso nel 2009 nella squadra Riserve. Grazie allaiuto di Mauro Antonio Caballero, attaccante che guidò la società della capitale alla vittoria nella Libertadores 2002, Luis è riuscito a dimostrare tutto il suo valore nellultima anticamera alla formazione titolare, vincendo il titolo di capocannoniere della categoria riserve e candidandosi presto per un posto in prima squadra. Lesordio con i grandi è arrivato il 3 luglio 2009, alla 22° e ultima giornata del torneo di Apertura, quando entrando al 59 è andato molto vicino alla rete, dimostrandosi reattivo e pronto per la categoria. Partì titolare nella quarta giornata del torneo successivo, fornendo un assist per il gol decisivo. Il primo gol non è comunque tardato ad arrivare, solo 7 giorni dopo ha festeggiato il suo primo gol contro lo Sportivo Luqueno. Le sue buone prestazioni e i gol che cominciavano ad arrivare anche in prima squadra gli fecero guadagnare lopportunità di difendere i colori del suo paese nei mondiali under 20 in Egitto del 2009. Purtroppo nel suo momento migliore un grave infortunio fermò la sua crescita, tenendolo fuori circa 8 mesi. Tornato in campo nellaprile 2010 contro il Tacuary ha subito segnato uno dei quattro gol dei suoi. Lannata 2010, seppur vissuta alla ricerca della forma migliore, gli ha portato un totale di 27 apparizioni, di cui solo 18 da titolare (e per giunta 13 volte è stato sostituito). Un totale di 1718 minuti conditi da 5 reti, poco meno di un gol ogni tre partite. E andata meglio questanno, quando in 1420 minuti (spalmati in 23 apparizioni, di cui 15 da titolare e 8 da subentrante) ha realizzato lo stesso numero di reti, migliorando abbastanza la sua media realizzativa e soprattutto ritrovando la forma migliore. Grazie anche al suo contributo lOlimpia ha conquistato la clausura ed è arrivata seconda nellapertura 2010. Caballero è un attaccante molto completo. Veloce, tecnico ma anche potente fisicamente, qualcuno lo paragona ad Alexis Sanchez, non è un caso che ad interessarsi a lui siano stati per primi i cileni del Cobreloa, anche se più recentemente si è parlato insistentemente dellUniversidad de Chile, il club in cui è cresciuto Mauricio Pinilla. In realtà somiglia più a questultimo che al fantasista del Barcellona, sia per la posizione che ricopre in campo, ma anche e soprattutto per qualità tecniche e fisiche. Rispetto al rosanero è più veloce ma meno preciso sotto porta. Nemmeno Francisco Arce ha voluto fare a meno del suo talento e lo ha convocato recentemente concedendogli qualche minuto nel match di qualificazione ai prossimi mondiali contro lUruguay. Così si è descritto in una recente intervista: “Sono un centravanti abbastanza alto, veloce e tecnico. Mi piace il gioco di squadra, ma anche stare in area e finalizzare. Vengo spesso paragonato a Roque Santa Cruz, probabilmente perché anche lui è cresciuto indossando questa maglia”. Sul suo futuro il giocatore non ha usato mezzi termini, si vede lontano dal Paraguay, non necessariamente in Europa. “Il presidente cerca unofferta concreta per vendermi. Mi hanno chiesto se volessi andar via, la verità è che sarebbe un sogno approdare in un campionato importante come quello cileno e dimostrare anche lì quello che ho già fatto vedere qui in Paraguay”. Quanto potrebbe servire oggi Luis Nery Caballero al Palermo? Difficile a dirsi. Se si cerca un attaccante già pronto per sostituire i primi della classe sembra complicato pensare che possa riuscire nellimpresa un 21enne che finora ha dato prova di sé solo in Paraguay. Ma è anche vero che si tratta di un elemento che ha già esordito nella nazionale vicecampione del Sud America, con tre anni di prima squadra sulle spalle ed una spiccata personalità. Anche Cavani era uno sconosciuto quando mise piede in campo per la prima volta contro la Fiorentina la Barbera e segnò quel gol da cineteca.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy