MERCATO: TUTTO SUL POSSIBILE ARRIVO A PALERMO DI DIEGO BUONANOTTE

MERCATO: TUTTO SUL POSSIBILE ARRIVO A PALERMO DI DIEGO BUONANOTTE

Di Calogero Fazio
.

Commenta per primo!

Di Calogero Fazio

In queste ore è tornato d’attualità in Viale del Fante il nome di Diego Buonanotte. Secondo alcuni recenti rumors di mercato, il giocatore, che fu vicino ad indossare i colori rosanero nel gennaio del 2013 è nuovamente nel mirino della società rosanero. Il calciatore argentino era stato accostato alla società rosanero nel corso della brevissima esperienza di Pietro Lo Monaco come amministratore delegato del Palermo. Eravamo nel corso di un difficilissimo campionato che sarebbe culminato con la mesta retrocessione dei rosanero in Serie B.

L’interesse del Palermo verso Buonanotte era da inquadrarsi nel vasto numero di operazioni di mercato implementate allo scopo di tentare di evitare l’amaro verdetto che si stava concretizzando in quei mesi. Lo Monaco, checché se ne dica, è un dirigente che di calcio argentino se ne intente, visto l’elevato numero di talenti che ha portato a Catania nelle scorse stagioni. Buonanotte allora militava in una squadra come il Malaga, che a quei tempi si presentava come ambiziosa, poiché era entrata nell’orbita degli sceicchi che ne detenevano la proprietà, analogamente al Manchester City o al PSG. Tuttavia il centrocampista argentino fu ceduto al Granada, squadra di proprietà dei Pozzo, in cui milita tuttora senza particolari successi.

Ed è proprio perché attualmente scalda la panchina del Granada che il giocatore vorrebbe rimettersi in discussione tentando una nuova avventura. Difficile, se non impossibile, quindi, ipotizzare una sua permanenza nel capoluogo andaluso. Approfittando di questa situazione di grande incertezza, la dirigenza del Palermo, sullo sfondo, pare abbia ripeso i contatti con l’entourage delle mezzapunta argentina. Contatti avviati esattamente dodici mesi fa e interrotti di colpo quando il giocatore (che era in forza al Malaga) scelse il Granada di Gino Pozzo.

Buonanotte potrebbe arrivare in prestito fino a giugno per poi proseguire l’avventura italiana spostandosi in direzione Udine. Oppure si potrebbe tentare la carta della comproprietà. L’argentino, dal canto suo, tentenna un po’ perché vorrebbe continuare a giocare nella Liga spagnola o in alternativa ripartire direttamente dalla Serie A. ‘Dieguito’ Buonanotte è un vecchio pallino del presidente Zamparini, che provò a portarlo in Italia già quando militava con grande successo nelle fila del River Plate.

Il colpo è in canna, ma non è detto che verrà esploso. Infatti, sono molto poco consistenti le possibilità di vedere Buonanotte trasferirsi in Sicilia in questo campionato e le ragioni sono tante e sostanziali. A cominciare dal fatto che il Palermo, oggi, rispetto a dodici mesi fa, non ha fretta di avventurarsi in simili trattative. D’altronde, il reparto avanzato rosanero, così com’è, sta rendendo abbastanza bene e non necessita di ulteriori rinforzi.

Dobbiamo aggiungere inoltre altri particolari che complicano ulteriormente un simile affare. Fra questi, l’oggettività che il Palermo di quest’anno milita nella serie cadetta e, di certo, non è una prospettiva esaltante per un giocatore di un campionato rinomato come la Liga trasferirsi in un torneo di seconda categoria. Oppure occorre tener presente che l’ingaggio dell’argentino, essendo un giocatore di prima fascia, è certamente abbastanza fuori portata per le casse della società di Viale del Fante. Tutte queste considerazioni vanno nella direzione di una difficile concretizzazione del passaggio di Buonanotte a Palermo. Poco più che una suggestiva ipotesi, priva di qualsiasi sostanzialità pratica.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy