MERCATO: ECCO LA SITUAZIONE DI MICCOLI

MERCATO: ECCO LA SITUAZIONE DI MICCOLI

Quello tra Fabrizio Miccoli e il Palermo è un matrimonio ormai destinato a concludersi: nonostante le residue speranze di una fetta della tifoseria rosanero, il tanto agognato rinnovo del.

Commenta per primo!

Quello tra Fabrizio Miccoli e il Palermo è un matrimonio ormai destinato a concludersi: nonostante le residue speranze di una fetta della tifoseria rosanero, il tanto agognato rinnovo del contratto non arriverà. Salvo improbabili sorprese. Secondo le ultime indiscrezioni raccolte da Mediagol.it, i primi giorni della prossima settimana dovrebbero essere quelli decisivi per il futuro del numero dieci, con laddio che verrà certificato dallassenza di passi in avanti tra le parti che si trovano in situazione di stallo; ad oggi il giocatore non sembra essersi guardato attorno più di tanto, ma alcuni club avrebbero già fatto alcuni sondaggi con il suo agente Francesco Caliandro. Il procuratore del salentino, in particolare, dovrebbe incontrare gli emissari del Parma: in Emilia gioca già lex rosanero Amauri che starebbe spingendo per riformare la coppia che fece sognare Palermo. Al momento i ducali hanno altre priorità, ma lidea Miccoli stuzzica e viene tenuta in grande considerazione: lex giocatore di Ternana, Perugia, Juventus e Benfica ha un ingaggio certamente non leggero e la società di Ghirardi (nonostante alcune smentite di rito ad opera del dg Leonardi) intende capire quali possano essere i margini di trattativa. Miccoli, comunque, piace anche ad altri club del massimo campionato come il Torino – già alla finestra per diversi giocatori rosanero – e la Sampdoria. Anche il Lecce, in caso di promozione dalla Lega Pro alla Serie B, non è da escludere dalla lista delle pretendenti, mentre le alternative straniere portano ai paesi mediorentali. Al momento lunica certezza sembra essere quella della fine della storia damore tra il Palermo e lattaccante leccese.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy