MERCATO: ARDEMAGNI-PALERMO, C’È CONCORRENZA

MERCATO: ARDEMAGNI-PALERMO, C’È CONCORRENZA

Di Calogero Fazio
.

Commenta per primo!

Di Calogero Fazio

La stagione 2012-13 è dunque storia. Il suo verdetto per i tifosi rosanero è amaro e arduo da digerire: una mesta retrocessione al culmine di un campionato difficile in cui la fortuna è parsa voltare le spalle al Palermo. Ma di fronte ad un epilogo che, in futuro, certamente non apparirà nell’album dei bei ricordi dei supporters del Palermo, la dirigenza è chiamata a rialzare la testa con strategie che rilancino il club, riportandolo al più presto possibile nella massima serie. Per il conseguimento di un simile risultato occorre però puntare a rinforzare la rosa con acquisti mirati, ovvero giocatori collaudati che conoscano bene la serie cadetta, al fine di poter neutralizzare i pericoli che potrebbero scaturire da un campionato arduo e pieno di insidie.

A tal proposito, un nome che potrebbe fare al caso della causa rosanero è quello di Matteo Ardemagni, un giocatore di proprietà dell’Atalanta e di scuola Milan, che ha militato nel Modena nell’ultima stagione e mezzo, in prestito dalla società bergamasca. I requisiti di questo attaccante possono essere visti di buon occhio dai dirigenti del club di Viale del Fante e, dunque, possono ben inserirsi nel più ampio quadro delle loro strategie atte a riportare il Palermo in Serie A nell’immediato futuro. Essi corrispondono pienamente a ciò di cui necessita la squadra rosanero nelle attuali contingenze che la vedono come squadra neo-retrocessa per varie ragioni. Innanzitutto l’attaccante si è ben comportato nell’ultima stagione, mettendo in mostra le sue caratteristiche di punta pura.

L’eredità lasciata dall’ultimo campionato cadetto, che ha visto l’attaccante dei “canarini” realizzare ben 23 reti ponendosi in seconda posizione dietro al veronese Cacia (che ne ha realizzate 24), può rappresentare un ottimo biglietto da visita per il ventiseienne di proprietà dell’Atalanta con un passato alla Triestina, al Cittadella e al Padova. Ardemagni dispone di tutte le doti tecniche necessarie ad un attaccante moderno: fisicamente dotato, abile nelle acrobazie, è ben nota la sua tendenza a rendersi utile alla squadra, ricorrendo ad un fitta rete di passaggi con i compagni.

Il talentuoso attaccante è da ritenersi, sostanzialmente, “in rampa di lancio” per il grande calcio. Il suo cartellino, come detto, è di proprietà dell’Atalanta, alla quale un’eventuale società interessata ad assicurarsi il vice-capocannoniere del campionato cadetto appena concluso dovrà versare una congrua somma, adeguata ad un valore che è certamente lievitato dopo il suo passaggio in prestito ai canarini nel gennaio 2012, per merito dell’alto livello di prestazioni fornite dal giocatore nella sua esperienza appena conclusa a Modena, dalla durata di un campionato e mezzo.

Occorre aggiungere che, a rendere più attraente l’opzione-Ardemagni per i piani della società rosanero può essere l’ipotesi di una cessione di Abel Hernandez, su cui si comincia a vociferare in questi giorni. Tuttavia, è anche bene precisare che se il Palermo vorrà assicurarsi il forte attaccante di proprietà dell’Atalanta dovrà vincere una concorrenza numerosa e agguerrita. Fra le società interessate sembrerebbe esserci il Torino, alla ricerca di un sostituto naturale del partente Rolando Bianchi. Ovviamente, i granata non sono l’unico club ad avere nel mirino “Arde-gol”, catalogato dalla Gazzetta dello Sport come pezzo pregiato del mercato 2013. A giudicare dai numeri, che depongono nettamente a favore del centravanti milanese, è difficile darle torto. I rosa sono avvisati.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy