Il “doppio ex” Caserta gioca il derby: “E’ la sfida più importante”

Il “doppio ex” Caserta gioca il derby: “E’ la sfida più importante”

Intervistato in esclusiva da “Mediagol.it”, lex centrocampista di Catania e Palermo, Fabio Caserta, adesso in forza allAtalanta, si è soffermato sul “suo” derby. “Catania – Palermo è.

Commenta per primo!

Intervistato in esclusiva da “Mediagol.it”, lex centrocampista di Catania e Palermo, Fabio Caserta, adesso in forza allAtalanta, si è soffermato sul “suo” derby. “Catania – Palermo è già una partita molto particolare. Arriva in un momento che, a tinte rosanero, con una vittoria significherebbe volare ancora verso il sogno che tutti i palermitani rincorrono, entrare in Champions Laegue. Prendere i tre punti a Catania può dire tanto in questo senso – ha dichiarato Caserta – Per quanto riguarda il Catania è la partita che potrebbe dare la quasi matematica salvezza. A differenza dei derby passati, questo è quello più importante”. Guardarsi le spalle dalla compagine di Alberto Zaccheroni, è questo limperativo di Fabio Caserta. “Delle quattro che stanno li a giocarsi il posto il Palermo è quella che, per come gioca, merita di più la posizione. Delle squadre che stanno dietro quella da temere più è la Juventus, è pur sempre una grande. Non sta attraversando un momento felicissimo, ma sappiamo che alla fine i bianconeri lottano per questi primi quattro posti. Secondo me il Palermo che abbiamo visto fino ad oggi merita il quarto posto, e spero con tutto il cuore che riesca ad arrivare in Champions”. Caserta si è poi espresso sul pensiero un pò diffuso che vorrebbe una Juventus “aiutata” a raggiungere lobiettivo finale. “Magari si dice questo per tutto quello che è successo in passato, è anche facile pensarlo. Alla fine credo non debba essere pensato, dobbiamo tutti essere in buona fede, altrimenti è inutile giocare. Secondo me lunica cosa fondamentale è il Palermo al quarto posto, la Champions dipende da loro”. Parole delogio successivamente per lintera compagine rosanero. “Aldilà dei nomi, Miccoli non lo scopro certo io e nemmeno un giocatore di grande esperienza come Liverani. La forza di questanno è il gruppo. Non dimentichiamoci dei vari Cassani, Balzaretti, Nocerino e Migliaccio, stanno facendo tutti benissimo questa stagione. Poi magari ne esce fuori un ragazzo come Pastore, che personalmente non conoscevo, ma mi impressiona sempre di più. Ritengo sia stato veramente un grande acquisto del presidente. Zamparini fa bene a coccolarselo, è davvero molto forte”. L’avvicendamento in panchina tra Walter Zenga e Delio Rossi ha fatto molto discutere, il pensiero di Caserta a proposito è molto chiaro. “La squadra allinizio ha avuto delle difficoltà, cerano anche dei giocatori nuovi che magari avevano bisogno di tempo per conoscersi. Rossi non lo scopriamo certo noi, ha allenato tante piazze ed ha sempre dato un gioco importante alle sue squadre, si sta vedendo anche a Palermo. Io credo che Zenga, aldilà di tutto, sia stato sfortunato. Per quanto mi riguarda è anche un buon allenatore”. di Alberto Giambruno

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy