Genoa-Pescara: il conflitto di interessi di Perin

Genoa-Pescara: il conflitto di interessi di Perin

Sarà una domenica davvero particolare quella di Mattia Perin. Il giovane portiere di Latina è solo in prestito al Pescara, ma il suo cartellino appartiene al Genoa. Preziosi ha.

Commenta per primo!

Sarà una domenica davvero particolare quella di Mattia Perin. Il giovane portiere di Latina è solo in prestito al Pescara, ma il suo cartellino appartiene al Genoa. Preziosi ha già dichiarato che lanno prossimo il giovane prodotto del vivaio ligure tornerà alla base e si giocherà il posto da titolare con Frey, così domenica Perin si ritroverà da avversario a poter decidere, con una parata in più o in meno, in quale categoria giocherà la sua futura squadra. Pensare che Bucchi lo aveva relegato a secondo di Pelizzoli, ma un infortunio al flessore ha messo KO il portiere bergamasco, così da rendere inevitabile l’utilizzo del giovane estremo difensore scuola rossoblu. Chissà quali pensieri attraverseranno adesso la mente del bravo Perin, costretto a far bene per evitare la matematica retrocessione del suo attuale club, ma con la consapevolezza che il pubblico del Grifone potrebbe non perdonargli una prova troppo determinata contro quella che sarà la sua squadra. Inutile negarlo, per Perin la partita di domenica sarà un vero e proprio conflitto di interessi: se farà bene si inimicherà lambiente genoano, magari pregiudicandosi concretamente la possibilità di coronare la sua ascesa personale presso la società di Preziosi, se invece commetterà qualche errore tutta lItalia, il paese della dietrologia, sospetterà che ci sia della malafede. Si parla tanto della necessità di una legge che regoli i conflitti di interessi nel mondo della politica, ma forse a qualcosa del genere bisognerà pensare anche nel calcio.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy