Gazzetta: Miccoli disumano,talento vale più di età

Gazzetta: Miccoli disumano,talento vale più di età

Mediagol.it vi propone uno stralcio delleditoriale del giornalista de “La Gazzetta dello Sport” Andrea Schianchi, oggi dedicato a Fabrizio Miccoli e alla sua splendida tripletta che ha abbattuto il.

Commenta per primo!

Mediagol.it vi propone uno stralcio delleditoriale del giornalista de “La Gazzetta dello Sport” Andrea Schianchi, oggi dedicato a Fabrizio Miccoli e alla sua splendida tripletta che ha abbattuto il Chievo. “Se come soprannomi si porta addosso quelli di «Romario del Salento» e «Pibe di Nardò», qualcosa vorrà pur dire. Fabrizio Miccoli, contro il Chievo, ha fatto qualcosa che gli umani, i giocatori comuni, i bravi ragazzi, nemmeno pensano. Un gol con tiro al volo da oltre 40 metri. Pazzesco. Gesto di rara bellezza che testimonia come il calcio sia una forma d’arte: movimento coordinato del corpo, torsione del busto, impatto perfetto del piede sul pallone. Ci vorrebbe il grande Fidia per scolpire una simile opera. E guardandola e riguardandola, questa rete, sale alla mente il rimpianto: Miccoli non ha avuto, nella sua carriera, quello che il suo talento prometteva (e probabilmente meritava). Nella prodezza di ieri, senza voler alimentare stucchevoli polemiche, c’è anche una specie di rivincita nei confronti del suo allenatore, Gian Piero Gasperini, che lo aveva tenuto in panchina contro Atalanta e Pescara, e aveva perso. Del Palermo, di questo Palermo depauperato negli ultimi anni dei migliori talenti, Miccoli dev’essere non solo il punto di riferimento, ma il simbolo. Anche a 33 anni si può essere decisivi, alla faccia del giovanilismo che impera nel calcio di oggi. […] Miccoli e Gilardino cinsegnano una cosa semplice: nel calcio, più della carta d’identità, contano il talento, il coraggio e la fantasia”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy