Figc, Tommasi: “Sono contento della stima che ricevo. Tavecchio? Pensava solo ad ottenere la maggioranza…”

Figc, Tommasi: “Sono contento della stima che ricevo. Tavecchio? Pensava solo ad ottenere la maggioranza…”

Il capo dell’AIC si esprime sulla possibilità di poter diventare presidente della Figc e attacca Tavecchio

Commenta per primo!

Il presidente dell’Associazione Italiana Calciatori, Damiano Tommasi, ha rilasciato un’intervista al Corriere della Sera.

Sulle parole di Totti, che lo vede bene come prossimo presidente della Federcalcio, ci scherza su: Francesco è un amico però, considerata la situazione, non so nemmeno quanto – dichiara l’ex centrocampista della Roma Al di là delle battute, sono contento che ci sia tanta gente che mi stima e consideri il sottoscritto l’uomo del rinnovamento. Ne abbiamo parlato all’interno dell’Associazione, però non può essere una mia scelta. Nessuno si autocandida. E poi ci sono tanti ex calciatori che lo potrebbero fare. Stringendo, direi che è prematuro. Contano più altre cose tipo il programma. Bisogna rinnovare, non solo a parole”.

Ecco da dove bisogna ripartire secondo Tommasi: “Che il gioco torni al centro dell’attenzione, che si rilanci il settore giovanile dai Dilettanti sino alla A, che si lavori in modo univoco. Non c’è collaborazione tra le varie categorie. Non possiamo ripresentarci con le stesse idee e pensando al proprio orticello. Serve uno scatto in avanti. Il bene collettivo prima di quello della singola componente. Sembra facile, ma non lo è”. 

Chiude lanciando una frecciata a Tavecchio“Dal punto di vista tecnico ha gestito malissimo il post Svezia. Bisognava avere il coraggio di presentarsi in sala stampa dopo essere usciti dal Mondiale. Dal punto di vista politico, invece, ha sempre e solo lavorato preoccupandosi di ottenere la maggioranza”.

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy