Figc: Tavecchio di nuovo nella bufera, intercettato mentre proferisce frasi di dubbio gusto

Figc: Tavecchio di nuovo nella bufera, intercettato mentre proferisce frasi di dubbio gusto

Tavecchio di nuovo nella bufera

Commenta per primo!

Il numero uno Figc Carlo Tavecchio si sarebbe reso protagonista di un nuovo incidente diplomatico: nelle scorse ore, infatti, sarebbe emersa una registrazione di una sua conversazione col quotidiano online SoccerLife, resa pubblica dal sito del Corriere della Sera. Dopo la gaffe su “Optì Pobà” che aveva caratterizzato la campagna elettorale prima della sua elezione alla presidenza della Federcalcio, ancora frasi offensive per lui. Nella conversazione Tavecchio parla di ebrei e omosessuali, a proposito della compravendita del palazzo della Lega Nazionale Dilettanti. “Comprato da quell’ebreaccio di Anticoli. Io non ho nulla contro gli ebrei, sono stato il primo a sostenerli nella mia vita: sono stato direttore di 28 filiali in Lombardia e c’erano tre filiali che andavamo meglio, perché c’erano direttori ebrei. Però come diceva Umberto Eco… E’ meglio tenerli a bada”. E a proposito di un omosessuale, di cui si parla nel colloquio, Tavecchio dice ancora: “Io non ho niente contro di loro, ma è meglio tenerli lontani da me”. Già incalzato sulla questione, il presidente della Figc si è limitato a commentare “Sono vittima di un ricatto”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy