ESCLUSIVA – IL SALUTO DI GLIK”Il Bari ha insistito, avrò le mie chance. Non mi spiego il fallimento in rosa, ma dovrò meritarmi il ritorno…”

ESCLUSIVA – IL SALUTO DI GLIK”Il Bari ha insistito, avrò le mie chance. Non mi spiego il fallimento in rosa, ma dovrò meritarmi il ritorno…”

Raggiunto in esclusiva da Mediagol.it, il difensore centrale polacco del Palermo Kamil Glik, in procinto di trasferirsi in Puglia al Bari di Gianpiero Ventura. La consapevolezza di aver avuto poco.

Commenta per primo!

Raggiunto in esclusiva da Mediagol.it, il difensore centrale polacco del Palermo Kamil Glik, in procinto di trasferirsi in Puglia al Bari di Gianpiero Ventura. La consapevolezza di aver avuto poco spazio, ma porte aperte ad un possibile ritorno…. Intervista realizzata da: Francesco Graffagnini e Roberto Chifari “IL BARI HA INSISTITO, AVRÒ UNA CHANCE” Un’esperienza fugace e calcisticamente anonima quella maturata da Kamil Glik in maglia rosanero. Il ventiduenne centrale difensivo della Nazionale polacca, dopo un esordio in chiaroscuro nell’andata del play-off di Europa League contro il Maribor, ha fatto la spola tra panchina e tribuna salvo qualche sporadica apparizione nella fase a gironi della competizione internazionale. Le difficoltà di integrazione dello spartito tattico di Delio Rossi e lo scarso utilizzo, ne hanno consigliato la cessione in prestito al Bari, club che già lo aveva cercato in estate ed in cui il giovane difensore potrà collezionare minuti ed esperienza. Il trasferimento sarà formalizzato alla iapertura delle liste previsto per il tre Gennaio ma il Palermo ha consentito a Glik di aggregarsi in anticipo ai nuovi compagni, attualmente in ritiro a Roma. Intervistato in esclusiva dalla redazione di Mediagol.it, il centrale polacco ha raccontato il suo primo giorno con il Bari trascorso qualche giorno fà. “Penso che sia andata bene. Il nuovo allenatore mi piace. Sto bene e già penso ad allenarmi. Penso che qui posso giocare, è chiaro che a decidere sarà solo il campo, però mi voglio concentrare al massimo per allenarmi duramente e poter debuttare il prima possibile. Ventura? Abbiamo già parlato un po, sono qui soltanto da un giorno quindi al momento ho soltanto unidea di massima. Siamo qui al lavoro a Roma, stiamo facendo un piccolo ritiro per trovare la concentrazione giusta. Col mister ho parlato ed a primo impatto mi piace come persona e come tecnico ma ci sarà modo nei prossimi giorni di affrontare meglio i discorsi. La scelta di Bari? Sapete bene che a Palermo non ho mai giocato – ha spiegato Glik in esclusiva ai microfoni di Mediagol.it – tranne tre partite di Europa League, in campionato non ho mai giocato. E’ chiaro che per crescere ho bisogno di giocare anche perché io ho un obiettivo preciso: disputare con la mia nazionale i campionati europei del 2012 in Polonia. Potrei essere convocato, ma se non gioco non verrò mai chiamato, quindi ho preferito venire qui in Puglia per giocarmi le mie carte. Il Bari voleva prendermi già dalla scorsa estate, ha insistito quando sono arrivato a Palermo e ora sono nate le condizioni per venire qui e ho accettato volentieri”. “NON MI SPIEGO IL FALLIMENTO IN ROSA” Zero presenze in campionato, qualche incolore apparizione in Europa League e la chiara sensazione di non riuscire a convincere il tecnico Delio Rossi. I mesi in rosanero di Kamil Glik non possono certo essere definiti ricchi di soddisfazioni, come ammette il centrale difensivo della nazionale polacca, intervistato in esclusiva dalla redazione di Mediagol.it. “Non so dove ho fallito nella mia esperienza a Palermo. Non saprei indicare una ragione specifica, so soltanto che ho messo il massimo impegno, mi allenavo ogni giorno sempre duramente e con costanza. Però alla fine non giocavo mai. Pazienza, anche questo è il calcio. La decisione spettava esclusivamente al mister Rossi ed io lho sempre accettata. Ho sempre dimostrato e creduto di poter giocare nel Palermo, però non voglio commentare le scelte del tecnico – ha spiegato Glik ai microfoni di Mediagol.it – Se ho pagato anche per via della lingua che ha complicato il mio inserimento? No assolutamente, non penso proprio che il problema sia stato di comunicazione. In questi mesi passati a Palermo ho imparato litaliano abbastanza bene per farmi capire, magari non lo parlo benissimo ma lo comprendo e posso comunicare”. “Rosa bel gruppo, ecco con chi ho legato di più” Lo scarso impiego in campo non ha impedito a Kamil Glik di consolidare buone amicizie all’interno del gruppo durante la sua breve esperienza in maglia rosanero. Il centrale difensivo polacco affronta il tema del rapporto con i compagni, intervistato in esclusiva dalla redazione di Mediagol.it. “Dorin Goian è stato il mio compagno di stanza. Sinceramente devo dire che ho trovato un bel gruppo, io stavo bene con tutti da Antonio Nocerino a Fabio Liverani, passando per Giulio Migliaccio e Javier Pastore. Con tutti i miei compagni di squadra avevo ed ho un bel rapporto, come con Federico Balzaretti, ma non solo dentro il campo ma anche fuori. Uscivamo spesso tutti insieme e avevamo amici in comune – ha spiegato Glik in esclusiva ai microfoni di Mediagol.it – Un dualismo tra me e Goian? Io credo che non sia mai esistito un dualismo con Dorin. Personalmente con Goian , come con tutto lo spogliatoio, avevo un buon rapporto. I ragazzi sono belle persone e non cerano problemi di nessun tipo”. “IL MIO RAPPORTO CON ROSSI E ZAMPA” Nonostante la sua esperienza in rosanero sia stata deludente per l’esiguo numero di minuti giocati, il centrale difensivo Kamil Glik parla con serenità e schiettezza del suo rapporto con Delio Rossi in esclusiva ai microfoni di Mediagol.it. “Il mio rapporto con Rossi? Alcune volte abbiamo parlato. Se mi chiedete perché non giocavo, posso soltanto dire che lui fa il suo lavoro, vede gli allenamenti e poi prende le sue decisioni. Su di lui come persona e tecnico non posso dire nulla, le sue sono state semplicemente delle scelte. Io chiaramente volevo solo giocare. Il mister Rossi è una brava persona ed è un tecnico molto preparato”. Glik dedica anche un pensiero al patron rosanero Maurizio Zamparini. “Con il presidente non ho avuto il piacere di parlare molte volte ma posso dire che a pelle Zamparini è una persona che trasmette simpatia – ha ammesso il centrale polacco ai microfoni di Mediagol.it – Ricordo una volta che eravamo in albergo con altre persone, lui è stato nei miei confronti molto simpatico e premuroso. E una persona molto interessante e non posso dire nulla di negativo nei suoi confronti”. “VI SPIEGO IL FLOP IN EUROPA LEAGUE” Le poche presenze collezionate da Kamil Glik con la maglia del Palermo sono maturate tutte in gare di Europa League, competizione nella quale il cammino dei rosanero si è concluso in maniera piuttosto rapida e deludente. Nel corso dell’intervista concessa in esclusiva alla redazione di Mediagol.it, il centrale difensivo polacco, da Gennaio prossimo in forza al Bari, ha anche provato a spiegare i motivi del deludente percorso europeo della compagine di Delio Rossi. “Io non so perché il nostro cammino Europeo sia andato così. Abbiamo sbagliato alcune partite che ci hanno fatto perdere punti determinanti. E difficile spiegare una cosa del genere, forse più che i ko con il Cska direi che le sfide con lo Sparta Praga, con la sconfitta in trasferta e quel pareggio in casa al ritorno, sono state la chiave di tutto – ha spiegato Glik ai microfoni di Mediagol.it – Un problema di mentalità? Non credo, forse posso aggiungere che per molti era una competizione assolutamente nuova e ci è mancata lesperienza. Né tantomeno si trattava di una condizione fisica inadeguata per giocare ogni tre giorni, direi semplicemente che eravamo inesperti, troppi giovani che giocavano in una competizione di alto livello come l’Europa League”. “Prestia, che numeri! Darmian e Garcia…” Nell’ultima gara giocata con la maglia del Palermo da Kamil Glik in Europa League a Losanna il centrale polacco si è ritrovato al suo fianco un giovane debuttante che non ha demeritato ed anzi si è reso protagonista di un’ottima prestazione, dimostrando personalità e sicurezza a discapito dei suoi 17 anni. Stiamo parlando di Giuseppe Prestia, baby della Primavera rosanero che Rossi ha fatto esordire e che anche Glik promuove a pieni voti. “E’ un ragazzo che ha bisogno di essere aspettato perché è molto giovane ma è davvero interessante. Ha una struttura fisica notevole e i numeri per fare molto bene”, ha dichiarato il polacco, da gennaio al Bari, ai microfoni di Mediagol.it. Poi Glik ha anche brevemente parlato di altri due suoi compagni di reparto che in questi sei mesi hanno avuto poco spazio, Darmian e Garcia. “Non so se resteranno ancora a Palermo, soltanto la società può stabilire il loro futuro e decidere se è il caso di mandarli a giocare da qualche altra parte per fargli maturare esperienza oppure tenerli in squadra – ha aggiunto il neo difensore biancorosso – di sicuro a Palermo troverebbero poco spazio come è già successo finora e farebbero fatica a conquistarsi il posto”. “MACCARONE AL BARI? MAGARI MA IO…” Un calciatore del Palermo è già passato a Bari alla corte di Ventura ed un altro, secondo indiscrezioni di mercato, sarebbe piuttosto vicino alla casacca biancorossa. Stiamo parlando di Kamil Glik e Massimo Maccarone che, dopo aver condiviso sei mesi complicati in rosanero trascorrendo più tempo in panchina che in campo, potrebbero ritrovarsi di nuovo compagni in Puglia. Anche di questo ha parlato il centrale polacco nel corso dell’intervista concessa in esclusiva alla redazione di Mediagol.it. “Massimo è sicuramente un grandissimo attaccante, non lo scopro certo io ma non conosco la strategia del Palermo, le intenzioni della società. Magari vogliano continuare fino a fine stagione con lui oppure stanno cercando qualche altro attaccante, non saprei – ha spiegato l’ormai ex difensore rosanero – Sul presunto interessamento del Bari non so nulla, a dire il vero è la prima volta che ne sento parlare e a me viene difficile parlare di cose che non conosco. Di sicuro sarebbe bello averlo di nuovo come compagno, magari, ma credetemi, non so nulla”. “Quanto è bella Palermo, il pesce e le arancine..” Nonostante la sua esperienza in rosanero non sia stata professionalmente felice, Kamil Glik, dal Gennaio prossimo nuovo difensore centrale del Bari, ha avuto modo di apprezzare la vivibilità e le delizie culinarie della città di Palermo. “E’ vero, mi è piaciuta molto. In questi mesi mi sono trovato benissimo, è una bella città senza dubbio – ha rivelato il giovane nazionale polacco in esclusiva ai microfoni di Mediagol.it – La cucina poi, è meravigliosa. Mi piace tutto, sia quella italiana sia quella siciliana. In questi mesi ho mangiato tanto pesce, ho provato le arancine che sono buonissime ma anche tutti i tipi di pasta con tante salse. Non cè una cosa che non mi sia piaciuta, non posso neanche fare una classifica delle cose che mi sono piaciute di più o di meno perché tutto è veramente meraviglioso”. “Un ritorno in rosa? E da meritare. Dato ok a Wisla” Con la maglia del Bari allenato da Giampiero Ventura, il difensore polacco classe ’88 Kamil Glik avrà modo di trovare quello spazio che non ha avuto a Palermo, dimostrare di essere all’altezza della massima serie e magari riproporsi per un eventuale futuro in rosanero. “Se penso di tornare un giorno da protagonista? Il Palermo è davvero una bella squadra con dei tifosi eccezionali ma ora sinceramente non me la sento di pensare al futuro, se esiste o meno la possibilità di ritornare non lo so – ha spiegato Glik in esclusiva ai microfoni di Mediagol.it – Mi sono trasferito con lobiettivo di giocare, fino a Giugno mi concentrerò solo sul Bari, dopo la fine della stagione ne parleremo. Prima di meritarmi l’opportunità di ritornare un domani in rosanero, devo fare qualcosa di buono qui a Bari. Mi concentrerò solo ed esclusivamente su questo per fare il meglio possibile, poi al Palermo ci penserò questa estate. Se è vero che c’era la possibilità di tornare in patria e che mi voleva anche il Wisla Cracovia? Sinceramente non so come sia finita questa trattativa. Quello che posso dire è che effettivamente sono stato contattato una sola volta e mi avevano chiesto la disponibilità per un eventuale trasferimento ed io avevo dato lok. Successivamente però, non so se hanno contattato o meno il Palermo. E’ arrivato il Bari e sono felice di questa soluzione”. GLIK: “TIFOSI GRAZIE,SOGNATE LA CHAMPIONS” A margine dell’interessante intervista esclusiva concessa ai microfoni di Mediagol.it, il difensore polacco Kamil Glik ceduto in prestito dal Palermo al Bari, riserva un messaggio di commiato ai tifosi rosanero. “Non ho avuto molto tempo per dimostrare il mio valore. Ci tengo comunque a dire che ho passato un bel periodo a Palermo anche se breve, in un grande club, in uno stadio bellissimo e popolato da grandi tifosi che con me sono stati sempre affettuosi e simpatici. Voglio dire ai tifosi rosanero di sognare perché Palermo per me è stata un sogno, la stagione è ancora lunghissima – ha spiegato Glik in esclusiva ai microfoni di Mediagol.it – Dove può arrivare questa squadra? Ripeto, ancora il percorso è molto lungo e tutto è da decidere. Allinizio della stagione abbiamo trovato alcune difficoltà e abbiamo perso alcuni punti. Alternavamo buone prestazioni a partite giocate male, ma se il Palermo gioca come sa giocare e come ha dimostrato di saper fare soprattutto nell’ultimo periodo, allora nulla è impossibile. La compagine di Rossi può essere una sorpresa, può diventare un’outsider e lottare per conquistare un posto in Champions a fine stagione. Vediamo se alla fine del campionato sarà così e magari potremo sognare tutti insieme”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy