Di Michele: “Tifosi, si contesta alla fine. Corini…”

Di Michele: “Tifosi, si contesta alla fine. Corini…”

Intervistato da “Palermonews.it”, lex attaccante del Palermo David Di Michele, oggi alla Reggina, ha anche commentato la difficile aria che si respira in casa rosanero, con i tifosi sempre più.

Commenta per primo!

Intervistato da “Palermonews.it”, lex attaccante del Palermo David Di Michele, oggi alla Reggina, ha anche commentato la difficile aria che si respira in casa rosanero, con i tifosi sempre più spaventati dal fantasma Serie B e critici nei confronti della squadra e del patron Zamparini. “Nei miei trascorsi a Palermo ho sempre ricevuto una grande spinta dai tifosi, sia nel bene che nel male. Anzi, soprattutto nel male, perché i tifosi palermitani hanno la grande capacità di stringersi e dare aiuto alla squadra ogni partita fino al 90e#8242;. I fischi possono arrivare, specialmente quando i giocatori non danno il massimo, ma sempre a fine gara”. Lattaccante 36enne, a Palermo nella stagione 2006/07 e al Chievo nei primi sei mesi di questa stagione, ha anche analizzato le insidie del match di domani. “Il Chievo è una squadra molto ben organizzata, ha conquistato risultati importanti grazie a un gruppo compatto e una buona identità di gioco. Bisogna bloccare le loro fonti di gioco e ripartire velocemente in contropiede, perché se gli si lascia spazio, possono far male a chiunque. Chi deve temere maggiormente il Palermo? La vera forza del Chievo è il gruppo. Spero che i rosanero si salvino. Se devo scegliere una squadra per la quale fare il tifo domani dico Palermo – ha ammesso Di Michele -, non perché abbia qualcosa contro il Chievo, ma perché sono molto legato ai colori rosanero. Corini pronto per allenare in una piazza calda come Palermo? Deve fare tesoro dell’esperienza veronese. Sta facendo bene e può affrontare tranquillamente qualsiasi avventura. Ha il giusto carisma, l’intelligenza e le competenze per allenare bene dappertutto. Al Chievo sta avendo modo di capire dove può ancora migliorare, è un momento transitorio fondamentale per il prosieguo della sua carriera da allenatore”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy