Di Battista”Pedro-Nappello problemi in più per noi”

Di Battista”Pedro-Nappello problemi in più per noi”

Domani nel match della quinta giornata di campionato contro il Pescara con ogni probabilità il tecnico della formazione Primavera del Palermo Paolo Beruatto potrà tornare a fare.

Commenta per primo!

Domani nel match della quinta giornata di campionato contro il Pescara con ogni probabilità il tecnico della formazione Primavera del Palermo Paolo Beruatto potrà tornare a fare affidamento sul brasiliano Joao Pedro, recentemente “servito” a Delio Rossi in prima squadra a causa della contemporanea indisponibilità di Liverani e Rigoni. “Non conosco in particolare le caratteristiche e le qualità di questo brasiliano ma sarà sicuramente un problema in più per noi – ha dichiarato il mister della formazione biancoceleste Antonio Di Battista, intervistato da Mediagol.it – secondo il mio modesto parere il Palermo sotto questo aspetto sta lavorando benissimo, basta guardare la rosa della prima squadra per rendersi conto dell’ottimo lavoro della società che ha allestito una squadra giovanissima. Penso che ci vuole coraggio a cercare di far crescere questi talenti in un campionato difficile come la Serie A, ma i risultati stanno dando ragione a questa strategia societaria e penso che il club rosanero sia da prendere come esempio”. Chi sicuramente sarà in campo con i baby rosanero è il napoletano Umberto Nappello, interessante e promettente attaccante ieri a segno in amichevole con la prima squadra. “Non l’ho mai visto giocare ma mi hanno parlato abbastanza bene anche lui, dicendomi che è uno dei punti di forza di questa squadra. Chi ha visto la partita contro l’Ascoli però, ha rimarcato la grossa coralità oltre che le particolari individualità. Ripeto, la prima cosa di cui mi ha parlato questo osservatore è proprio la capacità di esprimere bel calcio tra l’altro cambiando anche modulo nell’arco dei 90’. Questo significa che c’è un lavoro dietro perché non è facile giocare bene nell’arco di una partita cambiando sistema di gioco – ha aggiunto l’allenatore e il responsabile del settore giovanile del Pescara – sicuramente c’è da fare un plauso al mister perché se riesce ad esprimere un buon calcio cambiando modulo in corso vuol dire che c’è un grande lavoro dietro di organizzazione. Questa capacità di coprire bene il campo e di esprimere un calcio positivo potrà metterci in difficoltà”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy