DERBY: BRASCHI (AIA) HA TIFATO CATANIA?

DERBY: BRASCHI (AIA) HA TIFATO CATANIA?

“Clamoroso a Palermo: sono stato direttamente testimone di una cosa che è successa sabato. Braschi il designatore degli arbitri si è schierato nettamente, tanto che lo ritenevo.

Commenta per primo!

“Clamoroso a Palermo: sono stato direttamente testimone di una cosa che è successa sabato. Braschi il designatore degli arbitri si è schierato nettamente, tanto che lo ritenevo quasi un ultras del Catania e partecipava emotivamente, dietro di me, con un coinvolgimento clamoroso. Poi ho ricollegato che poco prima aveva abbracciato fraternamente, ora non so quanti abbracci, Pulvirenti, il presidente del Catania. Non li ho contati, ma potevano essere tre magari, che ne so, comunque si sono stretti in un fraterno abbraccio Braschi e Pulvirenti. Durante la partita, all’inizio non lo avevo riconosciuto, sentivo dietro di me questo coinvolgimento di un toscano per il Catania, che quando un giocatore sbagliava diceva: perché? E andiamo! Insomma si coinvolgeva. Alla fine ero molto curioso e mi sono girato e chi era? Il designatore Braschi, tutto camuffato perché era in veste informale con i jeans, la camicia, abbronzato”. Così, durante lodierna puntata di “Radio Radio Lo Sport”, il direttore dellemittente romana “Radio Radio” Ilario Di Giovambattista ha denunciato un grave episodio inerente lattuale designatore arbitrale, lex arbitro internazionale Stefano Braschi. “Poi ho saputo che alla fine della gara, e se ve lo dico potete crederci, è sceso ed è andato negli spogliatoi del Catania, probabilmente a complimentarsi con la squadra per la quale aveva fatto il tifo per tutta la partita, per questo risultato – ha proseguito Di Giovanbattista – Il Catania giocava in trasferta, per altro secondo me il Catania bellissimo di un Vincenzo Montella sempre più bravo, una squadra con tutte le cose messe a posto, però non c’entra niente, questa cosa di Braschi mi ha colpito moltissimo. C’è chi chiede un’inchiesta, chi chiede che intervenga Palazzi. Se Palazzi mi chiama anche se non sono un tesserato, io gli racconto quello che è accaduto, con me c’erano altre 4/5 persone, però ripeto, pensavo che un designatore non potesse arrivare cosi sfacciatamente a parteggiare per una squadra”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy