Cobolli Gigli: “Juve italiana un vanto, Giovinco…”

Cobolli Gigli: “Juve italiana un vanto, Giovinco…”

Intervista realizzata il 03/04 A pochi giorni dalla gara di campionato tra i bianconeri e il Palermo lex presidente della Juventus Giovanni Cobolli Gigli ha parlato dei giovani juventini ceduti con.

Commenta per primo!

Intervista realizzata il 03/04 A pochi giorni dalla gara di campionato tra i bianconeri e il Palermo lex presidente della Juventus Giovanni Cobolli Gigli ha parlato dei giovani juventini ceduti con qualche rimpianto dalla società piemontese nel corso della sua gestione. “Oltre a Balzaretti ricordo anche altri, come Giovinco e Criscito. Lultimo ormai è in Russia, magari Giovinco potrà tornare. Si sono sacrificati alcuni giocatori, per fortuna se ne sono tenuti alcuni come Marchisio e De Ceglie. Quella era una Juventus italiana e piena di giovani. Anche adesso lo è e mi fa piacere dirlo. Credo sia un vanto per la squadra, la società e anche una fonte di approvvigionamento per la nazionale, tanto che ci sono tanti giocatori della Juventus attuale nella rosa della nazionale”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy