CIARAMITARO: “Palermitani emarginati, tifosi…”

CIARAMITARO: “Palermitani emarginati, tifosi…”

Maurizio Ciaramitaro è soltanto l’ultimo della lista dei giocatori palermitani “costretti” a lasciare la propria città e il club rosanero per tentare di trovare fortuna.

Commenta per primo!

Maurizio Ciaramitaro è soltanto l’ultimo della lista dei giocatori palermitani “costretti” a lasciare la propria città e il club rosanero per tentare di trovare fortuna altrove. Prima di lui, su tutti, tornano in mente i casi recenti di Leandro Rinaudo e Pietro Accardi. La domanda è d’obbligo, perché? La redazione di Mediagol.it lo ha chiesto al centrocampista palermitano che ha da poco rescisso il contratto con la società di Viale del Fante. “Probabilmente è stato fatto un certo tipo di politica in cui è evidente che vengono un po’ emarginate le persone del posto, sia a livello di giocatori ma penso anche a livello societario. Io credo che se un anno e mezzo fa Colantuono ha deciso di farmi rimanere non è perché ero suo figlio o suo nipote ma perché evidentemente avrà ritenuto che potevo stare nella rosa ma poi la società fa le sue valutazioni – ha spiegato il giocatore palermitano – scelte anche legittime e comprensibili perché io non sono più un ragazzino ed è chiaro che loro non possono guadagnare su di me ed è giusto che puntino su dei giovanissimi bravi e di talento. In questo vanno fatti i complimenti al Palermo perché la società ha sempre lavorato bene, pescando giovani in giro per il mondo. Sul discorso palermitani non so dare una spiegazione, è la politica della società”. Poi Ciaramitaro rivolge un saluto ed un messaggio ai sostenitori rosanero. “I tifosi del Palermo sono unici, sono sempre vicini alla squadra e non fanno mai polemiche. E’ normale che ogni tanto magari vorrebbero un po’ di più dalla propria squadra ma ci sta, fa parte dell’indole del tifoso che ama la sua squadra – ha aggiunto – ma credo che questi ragazzi, così come i giocatori, vanno solo elogiati per quello che ci hanno dato in questi anni di Serie A perché alla fine ci hanno sempre fatto sentire una squadra importante, portando in alto il nome della nostra città che è fondamentale”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy