Cellino sbotta: “Non mi sono fatto corrompere, ho solo indicato una strategia”

Cellino sbotta: “Non mi sono fatto corrompere, ho solo indicato una strategia”

L’ex presidente del Cagliari, adesso proprietario del Leeds in Inghilterra, si difende dopo i servizi resi noti dal Daily Telegraph.

Commenta per primo!

Massimo Cellino si difende, o comunque prova a farlo.

Il nome dell’attuale patron del Leeds è stato tirato in ballo nell’ambito dello scandalo che sta colpendo diversi manager in Inghilterra, tra cui l’ormai ex commissario tecnico della Nazionale dei Tre Leoni, Sam Allardyce.

Scandalo Allardyce, l’ex ct dell’Inghilterra spiega: “Era tutto un favore a un amico”

“Non ho commesso reati. Non mi sono fatto corrompere. Ho solo indicato una strategia aziendale”, ha cercato di spiegare l’ex presidente del Cagliari dopo il servizio pubblicato dal Daily Telegraph. Cellino sarebbe stato contattato dall’agente genovese Pino Pagliara, l’uomo che nel corso di una cena al ristorante San Carlo di Manchester avrebbe svelato i nomi di otto allenatori di Premier corrotti. Sarebbe stato lui a organizzare l’incontro con i rappresentanti di questa fantomatica società indonesiana interessata al fenomeno delle terze proprietà e alla vendita dei giocatori della scuderia. Cellino avrebbe suggerito una strada per entrare in affari con la società asiatica: “Voi acquistate il venti per cento del pacchetto azionario e in questo modo partecipate agli utili. Il calcio è una brutta storia. Le spese per i club sono elevatissime. E’ un salasso continuo”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy