Balzaretti: “Svelo mio progetto di carriera da dirigente. A Palermo ho visto all’opera Sabatini”

Balzaretti: “Svelo mio progetto di carriera da dirigente. A Palermo ho visto all’opera Sabatini”

Le parole di Balzaretti, ora abilitato come direttore sportivo

Commenta per primo!

Federico Balzaretti ha completato il percorso per diventare direttore sportivo. Tuttosport l’ha intervistato per celebrare questo importante risultato. “Sono contentissimo: era un traguardo che mi ero prefissato e ce l’ho fatta al primo colpo. Tra l’altro un corso, quello organizzato da Paolo Piani, che consiglio a tutti per quanto è bello, completo e formativo. Lavorare con Sabatini? Dal punto di vista pratico è una fortuna assoluta poterlo vedere all’opera da 6 anni, calcolando anche quelli di Palermo. Prima di ogni altra cosa è una persona fantastica a livello umano e culturale. E professionalmente non è per caso se tutti siano concordi nel ritenerlo uno dei più bravi in assoluto: pochi hanno il suo “occhio” per valutare i calciatori di talento. Perché non allenatore? Il mio taglio è più manageriale: mi affascina l’idea di costruire all’interno di una società non solo per quel che riguarda gli aspetti tecnico e di campo. Intanto alla Roma mi definisco il ds dei prestiti: una squadra di 30 persone, non uno scherzo. Anche perché è importante che continuino a sentirsi coinvolti e seguiti da vicino dalla società di appartenenza. Li seguo costantemente sia a livello tattico sia a livello umano. Sono ragazzi che stanno imparando la professione e il mio compito è quello di esser loro di supporto a prescindere dal fatto che poi posano tornare a giocare nella Roma o meno. Il riferimento principale e prioritario resta ovviamente il loro allenatore, poi con me discutono su come migliorare i dettagli personali, i movimenti, la concentrazione, la tecnica individuale. Senza dimenticare tutto quello che riguarda l’aspetto psicologico e motivazionale: sono, lo ripeto, all’inizio di una carriera che ha risvolti sempre più complessi. Da parte loro c’è grande ricettività e il contatto è continuo. Ho questo contratto con la Roma e ne sono molto felice. Onestamente, non mi sentirei pronto per occuparmi subito della prima squadra: per esperienza perché ragiono sempre per gradi. Io parto già da un livello elevato, ma ci vorranno dai 3 ai 5 anni di apprendistato prima di poter fare il salto di qualità. Anche nel calcio, ormai, si deve ragionare per programmazione pluriennale”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy