Attentati Bruxelles, arrestato Najim Laachraoui. Farnesina: “Potrebbe esserci una vittima italiana”

Attentati Bruxelles, arrestato Najim Laachraoui. Farnesina: “Potrebbe esserci una vittima italiana”

Era ricercato e sarebbe l’artificiere del gruppo.

Commenta per primo!

La direzione delle Unità Speciali (Dsu) ha arrestato nel quartiere di Anderlecht Najim Laachraoui, il terzo uomo che compare nella foto della videosorveglianza dell’aeroporto insieme ad altri due vestiti di nero e morti nell’attacco suicida.

Era ricercato e sarebbe l’artificiere del gruppo. Nella foto dei circuiti interno dello scalo, indossa un cappello nero e la giacca chiara e avrebbe organizzato e gestito gli esplosivi anche negli attentati di Parigi. Era stato identificato due giorni fa. Il suo Dna era stato ritrovato sulle cinture esplosive utilizzate al Bataclan e allo Stade de France, il 13 novembre scorso.

Bruxelles nel panico, la testimonianza del palermitano Francesco La Cavera: “Vi racconto l’ansia vissuta qui in Belgio”

Intanto, il giorno dopo il caos, cominciano le procedure di riconoscimento delle vittime. Potrebbe esserci una vittima italiana tra i morti degli attentati di ieri a Bruxelles. La Farnesina, però, rende noto che le verifiche sono ancora in corso. L’ambasciata italiana in Belgio, secondo quanto si apprende, è in contatto con la famiglia per l’assistenza relativa alle procedure di identificazione.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy