ALLA SCOPERTA DI HOCHSTRASSERL’agente: “Onorati dall interesse dei rosanero”Il calciatore: “Sogno la A, mi ispiro a Gattuso”

ALLA SCOPERTA DI HOCHSTRASSERL’agente: “Onorati dall interesse dei rosanero”Il calciatore: “Sogno la A, mi ispiro a Gattuso”

In esclusiva ai microfoni di Mediagol.it, Xavier Hochstrasser ed il suo agente. Il centrocampista classe ’88 dello Young boys e della Nazionale Svizzera Under 21, sembra essere entrato tra gli.

Commenta per primo!

In esclusiva ai microfoni di Mediagol.it, Xavier Hochstrasser ed il suo agente. Il centrocampista classe ’88 dello Young boys e della Nazionale Svizzera Under 21, sembra essere entrato tra gli obiettivi di mercato del Palermo. Interviste di Fabrizio Anselmo e Francesco Graffagnini HOCHSTRASSER: “ECCO LE MIE CARATTERISTICHE” “Sono un centrocampista che predilige la posizione centrale della metà campo e che corre molto, dando alla squadra dinamismo e movimento. Credo di avere anche una buona struttura fisica ed essere un giocatore intelligente, sia dal punto di vista tecnico che soprattutto a livello tattico – ha spiegato Hochstrasser a Mediagol.it – Se preferisco giocare a destra in un centrocampo a tre o interno in uno a quattro? Per me è la stessa cosa, non ho preferenze. Ho giocato a quattro per molto, ma adesso ad esempio stiamo giocando con una linea di centrocampo a tre e mi sto trovando ugualmente bene. Fin da piccolo ho cambiato più volte modo di giocare ma non ho mai avuto particolari problemi e ho sempre imparato presto”. HOCHSTRASSER: “GATTUSO MIO MODELLO MA…” “Se c’è un giocatore a cui mi ispiro? Amo molto i calciatori di carattere e grinta, quelli che si battono in mezzo al campo e danno sempre tutto per la loro squadra. Ad esempio, tra gli italiani, è chiaro che il calciatore che ammiro di più è Rino Gattuso, è senz’altro uno di quelli a cui mi ispiro e che ho come modello di riferimento”. Parola di Xavier Hochstrasser, centrocampista dello Young Boys e della Svizzera Under 21 che piace al Palermo. “In realtà non gioco esattamente come Gattuso perché sono uno che fa anche gol e assist, a cui piace inserirsi spesso in avanti e creare azioni offensive – ha aggiunto il calciatore classe ’88 intervistato in esclusiva da Mediagol.it – diciamo che mi ispiro soprattutto alla sua mentalità, al modo con cui si approccia alle partite che poi credo sia anche uno dei suoi punti di forza”. HOCHSTRASSER: “SOGNO UN CAMPIONATO DI PRIMO LIVELLO” “Se mi sento pronto per un campionato importante come quello italiano? Beh, giocare in Italia. Non saprei. Io penso che ancora sono molto giovane e che ho tutto il tempo per crescere, maturare e migliorare in campo e fuori. Spero di avere ancora una lunga carriera, poi che questa sia in Italia, in Inghilterra o in Spagna, per me è indifferente perché sono tutti dei gran bei campionati. Non ho l’obiettivo preciso di giocare in uno piuttosto che in un altro, ho solo l’intento di confrontarmi un domani in un torneo di primo livello”. HOCHSTRASSER: “PALERMO? FELICE, CHE ONORE” “Non so nulla di queste cose perché preferisco pensare solo a giocare in campo e a lavorare, al resto ci sono altre persone che devono pensare – ha dichiarato il giocatore svizzero – però non posso nascondere che già il fatto stesso che il mio nome venga abbinato ad una squadra importante italiana come il Palermo è una cosa che mi fa immensamente piacere. Seguo un po’ la Serie A in televisione ed è un onore tutto ciò”. La sua squadra, lo Young Boys, è inserita nel girone H dell’Europa League, insieme allo Stoccarda di Molinaro, gli spagnoli del Getafe e i danesi dell’Odense. Inevitabile con Hochstrasser una battuta sul girone europeo del Palermo, seguito in Svizzera per via della presenza nello stesso gruppo della formazione elvetica di Losanna. “In questo gruppo vedo senz’altro i rosanero la squadra con più possibilità di passare il turno, considerando anche che proprio il Losanna fa parte della Serie B Svizzera (la seconda divisione, ndr) – ha aggiunto il giocatore della Nazionale Under 21 di Pierre Tami – anche il Cska è una buonissima squadra, ma si qualificano due squadre e non credo che il Palermo avrà grosse difficoltà ad essere una di queste due”. HOCHSTRASSER: “SIMILE A KASAMI, LUI DICE CHE….” Nel corso dell’intervista concessa in esclusiva alla redazione di Mediagol.it, Xavier Hochstrasser, centrocampista classe ’88 dello Young Boys e della Svizzera Under 21 che piace al Palermo, ha anche parlato del suo compagno di Nazionale, il rosanero Pajtim Kasami e di cosa gli ha raccontato della sua esperienza in Italia. “Chiaramente ci conosciamo essendo compagni in Nazionale. Ogni tanto ci sentiamo e quello che mi racconta non riguarda la squadra ma la città. Dice che si trova bene con i compagni e con tutti ma che Palermo è molto diversa dalle nostre città Svizzere e che, ad esempio, c’è molto traffico per le strade – ha spiegato Hochstrasser – Tra l’altro ho conosciuto anche Morganella che ha giocato in rosanero e ricordo che anche lui mi diceva la stessa cosa. Se io e Kasami ci somigliamo? Diciamo che abbiamo qualche similitudine e alcune caratteristiche in comune, ma credo che nel complesso siamo due giocatori diversi. Penso di essere un calciatore che ha più corsa rispetto a lui, che magari ha qualità più importanti in fase offensiva”. AG.HOCHSTRASSER: “LE SUE DOTI MIGLIORI SONO….” “E’ un ragazzo che a 22 anni ha ormai collezionato più di 100 presenze con il suo club e che quindi, nonostante la giovane età, ha già parecchia esperienza. Si tratta di un centrocampista poliedrico, prezioso in fase di interdizione che fa della corsa, della grinta e dei polmoni alcune delle sue caratteristiche principali – ha spiegato il procuratore di Hochstrasser – ma che è anche votato alla fase offensiva della squadra e, non a caso ha il vizio del gol. Ha un grande senso dell’inserimento in avanti, nei calci piazzati. Insomma, un centrocampista importante che, grazie alle sue buone partite e ai gol segnati nel campionato svizzero, ha anche conquistato un posto nella Nazionale Under 21”. AG.HOCHSTRASSER: “E UN MIX TRA GATTUSO E KASAMI” “A chi lo paragonerei per rendere meglio l’idea? Quando ha iniziato a giocare e ha fatto le varie trafile dei settori giovanili ricordo che i compagni e i dirigenti dell’epoca lo chiamavano Gattuso. Proprio perché per il suo modo di giocare ricordava fin da piccolino il giocatore del Milan e della Nazionale”. Così ai microfoni di Mediagol.it il procuratore di Xavier Hochstrasser. “Negli anni però è migliorato notevolmente e, come vi dicevo prima, al grande dinamismo in mezzo al campo ha abbinato altre caratteristiche più offensive, perché del resto i piedi buoni non gli sono mai mancati – ha aggiunto l’agente di Hochstrasser – Somiglia molto anche ad un giocatore che in Italia state iniziando a conoscere, Pajtim Kasami. Di lui tra l’altro parlammo proprio con Xavier, un anno fa quando lo Young Boys ha giocato contro il suo Bellinzona. Fece una grandissima partita e ci aveva colpito. Hanno qualche caratteristica in comune, con la differenza che Hochstrasser è quattro anni più grande e quindi oggi è sicuramente più esperto di Kasami”. AG.HOCHTRASSER: “PALERMO? MAGARI, NOI ONORATI…” “Sinceramente ad oggi non ho mai parlato con la società rosanero, con nessuno della dirigenza e non sono quindi a conoscenza di questa situazione. Almeno io non ho parlato con nessuno, però è chiaro che un presunto interessamento di una società importante come il Palermo fa sempre piacere e, se davvero il club rosanero sta seguendo Xavier, non possiamo che esserne onorati e conoscendo il valore del ragazzo la cosa non mi stupisce particolarmente perché parliamo di un calciatore importantissimo nel panorama europeo. Ad oggi con lui non abbiamo mai pensato all’ipotesi di trasferimento, motivo per il quale io non ho neanche affrontato l’argomento con la sua società e quindi non sono in grado di parlare di cifre o di valutazione economica del suo cartellino. Sicuramente l’ambizione della sua carriera è quella di confrontarsi con un calcio più importante di quello svizzero e il campionato italiano è uno dei più importanti al mondo quindi è ovvio che, un domani, saremmo ben felici di un’eventuale opportunità chiamata Palermo”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy