Poliziotto ferito:”Alfano,ridotto così da ultras”

Poliziotto ferito:”Alfano,ridotto così da ultras”

Il poliziotto, di cui non si conosce l’identità, ferito durante gli scontri di sabato scorso a Roma ha parlato tramite il coordinatore provinciale del Consap Francesco Scoditti. “La ferita che.

Commenta per primo!

Il poliziotto, di cui non si conosce l’identità, ferito durante gli scontri di sabato scorso a Roma ha parlato tramite il coordinatore provinciale del Consap Francesco Scoditti. “La ferita che fa più male delle bastonate prese dagli ultrà napoletani a Tor di Quinto – ha detto alla Gazzetta dello Sport – è il silenzio, per giorni, dei miei superiori, e le parole di Angelino Alfano: mercoledì il ministro dell’Interno ha dichiarato alla Camera che nessun rappresentante delle forze dell’ordine ha riportato ferite gravi negli scontri di sabato. Peccato che la mia schiena dimostri il contrario. Li vede questi? Sono i segni lasciati dai tondini di ferro con cui mi hanno colpito, li tenevano nascosti dentro tubi di cartone. Vorrei dire ad Alfano che ho 40 anni e sono un sovrintendente pluripremiato, ma vengo pagato come un agente perché lo Stato ci ha bloccato gli aumenti salariali. Guadagno poco più di 1.400 euro al mese e mi spettano solo 30 ore di straordinari: superate quelle, e le supero regolarmente, lavoro gratis. Caro ministro, care istituzioni, come mi dovrei sentire? Vale la pena rischiare la vita per la vostra indifferenza?”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy