Nestorovski: “Abbiamo regalato un tempo alla Spagna, la Macedonia ha un futuro”

Nestorovski: “Abbiamo regalato un tempo alla Spagna, la Macedonia ha un futuro”

Le parole del centravanti del Palermo al termine della partita persa contro la Spagna a Skopje.

Commenta per primo!

Nulla da fare. Rimonta solamente sperata, ma mai sfiorata. La Macedonia di Igor Angelovski perde in casa contro la Spagna di Julen Lopetegui, in un match seguitissimo dalla Nazionale Italiana a pari punti con la Roja in testa al gruppo G di qualificazione ai prossimi Mondiali.

Alla Philip II Arena di Skopje, i padroni di casa hanno prima subìto due gol nel giro di pochi minuti e poi, nella ripresa, hanno trovato il gol del definitivo 2-1. Ci si attendeva un forcing finale ricco di occasioni da rete per la Macedonia, forcing che – a dire il vero – non c’è mai stato perché la Spagna è stata brava ad amministrare il vantaggio, seppur minimo, rischiando il meno possibile.

A rammaricarsi per il punteggio maturato a Skopje, anche Ilija Nestorovski: poco protagonista, il centravanti del Palermo ha avuto sui piedi la palla del 2-2 al 90′, ma quella capitata al classe ’90 non può essere del tutto definita un’occasione, in virtù del fatto che non è neanche riuscito a calciare verso la porta, chiedendo un calcio di rigore per un fallo inesistente da parte di un difensore spagnolo. “Se ci soffermiamo a guardare solamente agli aspetti positivi – dice l’ex Inter Zapresicdobbiamo sottolineare come in queste due partite, contro la Turchia in amichevole e oggi contro la Spagna, siamo riusciti ad arricchire la nostra squadra di nuove individualità giovani. Questa Nazionale ha un futuro. Tornando alla partita – prosegue – diciamo che contro la Spagna in verità potevamo fare ben poco di più. Sì, abbiamo di fatto regalato il primo tempo, giocando male, ma poi nella ripresa siamo stati aggressivi e abbiamo dato tutto noi stessi. E non è bastato. Conoscevamo la forza di questa Spagna. Detto questo – conclude – vedo un futuro in questa Nazionale. Ci sono giovani interessanti già nel giro della selezione maggiore e la base di partenza è buona, perché abbiamo dimostrato di potercela giocare contro chiunque. Sì, poi i risultati non sono stati dei migliori…”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy