Nazionale: ipotesi Donadoni per il dopo-Conte, ma c’è un nodo. E Ventura…

Nazionale: ipotesi Donadoni per il dopo-Conte, ma c’è un nodo. E Ventura…

Conte andrà al Chelsea, il tecnico del Bologna piace come uomo e allenatore. Lo scenario

Commenta per primo!

Nei prossimi mesi lo sbarco di Antonio Conte in Premier League. L’attuale commissario tecnico della Nazionale italiana, dopo il prossimo Europeo in Francia, lascerà il suo incarico e allenerà il Chelsea: in questi giorni, infatti, sarebbero in corso i con­tat­ti per de­fi­ni­re il suo ma­tri­mo­nio con il club di Roman Abra­mo­vi­ch. La Federazione – dunque – tenendo in considerazione la separazione Con­te-Na­zio­na­le, starebbe già valutando diversi profili per non farsi trovare impreparata e scegliere chi prenderà il posto dell’ex tecnico della Juventus. E un Donadoni bis in azzurro – secondo l’edizione odierna de ‘La Gazzetta dello Sport’ – sarebbe, al momento, l’ipotesi più accreditata. Nonostante non ci sia stato ancora nessun contatto diretto tra le parti, l’attuale allenatore del Bologna piace come uomo e come allenatore. D’altronde, Donadoni ha già allenato in passato gli azzurri e certamente conosce bene già difficoltà e incognite del mestiere. Ma il suo pieno coinvolgimento nel progetto di Saputo – squadra che il tecnico di Cisano Bergamasco ha plasmato e valorizzato al massimo – ed eventualmente la chiamata di un altro club d’élite, potrebbero complicare il suo ritorno in azzurro. Per questo motivo, il prossimo mese saranno valutate anche altre strade. E un altro profilo che piace è quello di Giampiero Ventura. Già, perché il tecnico di Genova – nonostante le smentite da parte di Urbano Cairo – al termine della stagione corrente potrebbe lasciare Torino ed il Torino.

Le qualità di Ventura e la sua grande esperienza, però, avrebbero attirato le attenzioni anche del Palermo di Maurizio Zamparini.

Leggi anche: Palermo: Zamparini in pressing su Giampiero Ventura, le ultime

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy